La Sigel Marsala piega Marignano in quattro set

Spalding_Leaderboard
Sigel Marsala

Di Redazione

Per la 8^giornata della “Samsung Galaxy Volley Cup A2” la Sigel cancella i sospiri della gara di Cutrofiano di domenica scorsa e ha la meglio su S.Giovanni in Marignano in quattro set. Un’affermazione, quella di oggi, prestigiosa contro una squadra costruita in sede di mercato per veleggiare nei piani alti di classifica. Prima di giungere in Sicilia, il sestetto di Saja era forte del terzo posto nel girone “B”. Aspra la battaglia sportiva del PalaBellina della durata complessiva di due ore circa di gioco,(questa la progressione set: 26/24; 27/25; 22/25; 25/17) con gli iniziali due atti che si sono conclusi solo ai vantaggi che, in entrambi i casi, hanno premiato il buon finale della formazione di Leo Barbieri. La terza frazione è vinta in volata dalle riminesi per 22-25. Mentre, Omag nel quarto molla la presa sul set e sull’intero incontro con un inequivocabile 25-17. Ancora importanti gli score di Taborelli (eletta Mvp) con 22 punti e di capitan Angeloni, 12. Come i punti della centrale Gabrieli (40% in attacco e 4 muri punto). Ancora bene il libero Alessia Ameri, prodigiosa nei recuperi in qualche intenso scambio giocato.

Starting-six: Marsala, costretto a non poter disporre di Fucka indisponibile, propone la seguente formazione: Avenia al palleggio, Taborelli opposto, centrali Gabrieli e Cosi, Angeloni e Brzezinska martelli, libero Ameri.
Risponde Omag S.Giovanni in Marignano con il seguente schieramento: Battistoni e Manfredini a comporre la diagonale d’attacco, Lualdi e Caneva al centro, di banda Saguatti e Fairs. Maglia di libero per la ex dell’incontro, Giulia Gibertini.

La cronaca:
Si parte con la formazione ospite più intraprendente, traendo beneficio da Saguatti e Lualdi incaricate del servizio, le ospiti volano sul 2-7. Ma i punti in serie di Taborelli, Gabrieli e Angeloni (quest’ultimo su ace) avvicinano Marsala alle proprie dirimpettaie nel punteggio: 6-8. Nella parte centrale, una fast della centrale Lualdi e un ace di capitan Saguatti portano a +4 le riminesi: 9-14. Fairs da p.4 si rende utile alla causa grazie ai punti del 10-15 e del 11-16. Ne7ll’azione seguente ace della regista Battistoni per il 11-17. Marsala è tenuto vivo da due punti consecutivi dell’opposto Taborelli: 13-17. Marsala fa valere un break di 4 a 2, grazie ai punti della solita Taborelli e di Brzezinska: 17-19. Dal punto della polacca in poi e con Taborelli al servizio Marsala rimonta e va al 20-19. Saja, a questo punto, si avvale del secondo e ultimo time-out (ne aveva chiamato uno precedente sulla situazione di 17-19, ndr). E’un continuo rincorrersi tra le squadre con Omag che mette di nuovo la freccia sul 20-21. Ma Marsala soprattutto con Brzezinska recupera il gap e torna in vantaggio per 23-21. San Giovanni impatta prima sul 23-23 e poi sul 24-24. Esito rimandato ai vantaggi. Con Marsala che chiude sul 26-24 (punto a muro decisivo di Taborelli).

Si ricomincia con le squadre che si avventurano in una fase iniziale nel segno dell’equilibrio. Quasi sul filo della continuità di ciò che si era ammirato in chiusura di prima frazione. Il punteggio così fa come una altalena: dal 4-5 ospite, si passa al 10-9 in favore della Sigel al time out voluto da Saja. Buona in questa fase la qualità del gioco e gli scambi giocati, con Ameri, libero lilybetano, provvidenziale nei recuperi. Al ritorno in campo San Giovanni in Marignano fa rispettare un buon break di cinque punti a uno: 11-14. Barbieri così è costretto a chiamare il time out. Marsala compie il punto numero dodici al rientro e la panchina opera il cambio Luzzi per Gabrieli, appositamente per andare al servizio. Ebbene, avviene la crescita di Marsala che va a pareggiare sul 15-15 con la Luzzi ripetutamente nella linea dei nove metri. A seguire c’è lo sliding-doors del singolo gioco coi punti ospiti che portano la firma di Lualdi e capitan Saguatti per il 18-22. Tutto finito? Neanche per sogno, perché Marsala crede nella rimonta e grazie a Taborelli con l’assistenza di Avenia si porta a -1 da S.Giovanni: 21-22. Angeloni e Taborelli tengono a galla le azzurre, Fairs dall’altra parte sale in cattedra. Fasi infuocate di gioco e di nuovo tutto che si decide ai vantaggi. 24-24. C’è il tempo di giocare qualche scambio, fino a quando Taborelli e un grande muro di Gabrieli danno l’affermazione anche del secondo parziale per 27-25.

Nel terzo gioco Marsala incappa in una incerta partenza: 3-7. Time-out Sigel. Marsala da qui in avanti è capace di firmare il sorpasso per 9 a 8, compiendo sei punti di break a uno. Sul 9-10, Barbieri si vede costretto a rivedere qualcosa e chiama a raccolta le sue ragazze per il primo discrezionale. Comincia così un segmento di gara combattuto, dove le squadre mostrano cosa sono capaci di fare. Si giocano scambi lunghi ed avvincenti, Marsala è capace di portarsi a -2 per ben due volte: sul 17-19 e 22-24. Poi un errore al servizio di Taborelli consegna il set per 22-25.

Nel quarto avanti le romagnole 3-4. Poi trascinato da Taborelli e grazie ai muri di Cosi e Avenia Marsala allunga dal 5-4 al 10-6. Gabrieli e capitan Angeloni per il 12-9. Time-out di Saja. La Sigel imperterrita a macinare gioco, sotto l’egida di Giorgia Avenia regista della squadra, e punti. Da uno di questi, Taborelli sfodera il repertorio con una parallela a piegare le mani avversarie per il 16-12. Poi con Cosi alla battuta Marsala si porta a +7: 20-13 (punto a muro di Avenia). Marsala affronta un felice finale e vince per 25-17 (block-out di Taborelli).

La gara del PalaBellina di oggi sanciva per la Sigel l’ultima fatica casalinga per quanto riguarda il girone di andata. Necessitava per l’intero “carrozzone” cercare di concedersi un pomeriggio da un “posto al sole” e rituffarsi volenterosi tra i gorghi del campionato. Era forte la voglia tra le atlete di coach Barbieri di voltare pagina, dopo lo stop esterno di Cutrofiano che valeva da scontro diretto per la bassa classifica. Nella settimana di preparazione al match contro Omag S.Giov. in Marignano impellente era il desiderio di pronto riscatto da parte di Angeloni e compagne. Si sono prodigate le azzurre, animate da tutta la rabbia che avevano in corpo, per scrollarsi di dosso una serie di eventi che le hanno, forse, frenate. Che non hanno consentito a questa squadra di esprimersi totalmente. Adesso, bisognerà avere solerzia e continuare a perseverare. In via definitiva, trovare stimoli crescenti dalle nuove sfide che presenta la stagione.

Sigel Marsala Volley-Omag S.Giov. in Marignano: 3-1 [26/24; 27/25; 22/25; 25/17]

Sigel Marsala Volley: Avenia 7, Angeloni 12, Gabrieli 12, Taborelli 22, Brzezinska 9, Cosi 8, Ameri (L), Luzzi 2, Salvestrini, Turla’. n.e Vaccaro (L). All. Barbieri. vice: Aiuto

Omag S.Giov. in Marignano: Battistoni 1, Fairs 11, Caneva 7, Manfredini 15, Saguatti 15, Lualdi 16, Gibertini (L), Pinali 3, Guasti 2, Gray. n.e. Casprini, Mazzotti. All. Saja vice: Zanchi

Arbitri: Deborah Proietti e Maurizio Merli di Terni

LEAD_UNES_VGoloso-Pasqua2019