B1 femminile, la Chromavis Abo prova a rialzarsi contro il Lilliput Settimo Torinese

LEAD – SOCAF-Acquarial_C
>
foto Molaschi

Di Redazione

Il ritornello è sempre lo stesso: vincere per sbloccarsi e ripartire, con da un lato il fardello psicologico di tre sconfitte consecutive e dall’altro la correlata, maggiore voglia di riscatto, con l’orgoglio anche di dimostrare il vero potenziale individuale e collettivo. In casa Offanengo si prova a guardare con fiducia al match di B1 femminile in programma domenica alle 18 al PalaCoim contro il Lilliput Settimo Torinese e valido come sesta giornata d’andata.

La squadra di Giorgio Nibbio arriva da un tris negativo di risultati, l’ultimo – probabilmente il più eloquente – arrivato sabato scorso a Vigevano contro la Florens Re Marcello, con due set anonimi (i primi due) seguiti da uno più combattuto (il terzo), chiuso ai vantaggi dalle pavesi. Un ruolino di marcia deludente per una squadra costruita per provare a vincere il campionato e che ora – dopo le due vittorie inaugurali e un pre-campionato pressoché perfetto – non riesce a esprimersi come potrebbe.

A inquadrare la partita in arrivo è la palleggiatrice della Chromavis Abo Cecilia Nicolini, ex di turno: nella scorsa stagione, infatti, la regista di Codogno ha guidato in campo il Lilliput fino alla finale play off, arrivando a un passo dall’A2.

“Quando si incontrano – racconta Cecilia – le squadre dove hai giocato l’anno prima è già di per sé emozionante e un po’ diverso dal solito. Sono molto contenta di rivedere tre mie ex compagne di squadra, Spadoni, Tessari e Ghirotto, oltre a coach Barbara Medici, come è accaduto nelle scorse giornate quando ho incontrato da avversarie Garzonio e Zingaro. Sarà una bella sfida, per noi rappresenta l’ennesima messa alla prova: dobbiamo assolutamente uscire da questo momento buio. Settimo è una formazione giovane e che difende molto: dovremo essere molto brave ad aggredirle fin da subito e a non farsi innervosire se la palla non dovesse cadere al primo tentativo”.

IL TEST – Per prepararsi al match di campionato di domenica, giovedì sera la Chromavis Abo ha sostenuto un allenamento congiunto a Cremona con l’Esperia, formazione di B2. Il test informale si è chiuso con un pareggio (2-2), con Offanengo che si è aggiudicata secondo e quarto set (13-25 e 24-26 in rimonta), mentre le gialloblù di casa hanno vinto il primo e il terzo parziale (25-17 e 25-16). Nell’occasione, coach Giorgio Nibbio ha utilizzato tutte le atlete ad eccezione del giovane libero Angelica Colombetti.

LE EX – Nelle fila della Chromavis Abo militano due ex della Lilliput. Oltre a Cecilia Nicolini (lo scorso anno in maglia piemontese), figura nella speciale categoria anche l’opposta Veronica Minati, a Settimo nella stagione 2015-2016 disputata in serie A2.

L’AVVERSARIO – Il Lilliput Settimo Torinese occupa il sesto posto in classifica con 10 punti, frutto di tre successi e due ko. Le vittorie sono giunte contro Palau, Lurano e Scuola del Volley Varese, mentre le sconfitte sono state inflitte da Ostiano e Vigevano. In panchina c’è Barbara Medici, lo scorso anno vice di Maurizio Venco; a sua disposizione, un roster giovane e profondamente rinnovato rispetto all’anno scorso. Nel sestetto-base l’unica “superstite” è la centrale Sofia Spadoni, mentre tra i nuovi arrivi spicca l’esperienza della regista Silvia Bazzarone.

“Siamo in fase di rodaggio – spiega coach Barbara Medici – essendo una squadra tutta nuova. Fin qui, a livello di risultati abbiamo vinto con chi potevamo vincere e perso contro formazioni più esperte. Offanengo è una delle squadre più forti del girone, ha avuto tre partite non troppo fortunate e quindi me l’aspetto ancora più agguerrita. La Chromavis Abo è più fisica, mentre noi dovremo difendere tanto e avere il giusto atteggiamento. Mi aspetto una partita dove una squadra picchia forte e l’altra cerca di raccogliere più palloni possibili. Abbiamo rispetto nel nostro avversario, ma anche fiducia nei nostri mezzi. Ritroviamo Cecilia: da un lato conoscerla può essere un vantaggio, ma dal’altro sappiamo anche quanto vale”.

GLI ARBITRI – A dirigere l’incontro tra Chromavis Abo e Lilliput Settimo Torinese saranno il primo arbitro Stefania Petrera e il secondo arbitro Lucia Grassi.

IL CAMMINO DELLE DUE SQUADRE – Questo il percorso delle due formazioni in campionato.

Chromavis Abo:

prima giornata: Arredo Frigo Makhymo-Chromavis Abo 0-3

seconda giornata: Chromavis Abo-Parella Torino 3-0

terza giornata: Futura Volley Giovani Busto-Chromavis Abo 3-1

quarta giornata: Chromavis Abo-Acciaitubi Picco Lecco 2-3

quinta giornata: Florens Re Marcello-Chromavis Abo 3-0

Lilliput Settimo Torinese:

prima giornata: Capo d’Orso Palau-Lilliput Settimo Torinese 1-3

seconda giornata: Lilliput Settimo Torinese-Florens Re Marcello 1-3

terza giornata: Csv-Ra.Ma. Ostiano-Lilliput Settimo Torinese 3-2

quarta giornata: Pneumax Lurano-Lilliput Setimo Torinese 0-3

quinta giornata: Lilliput Settimo Torinese-Scuola del Volley Varese 3-0.

I PRECEDENTI – Le due formazioni si sono affrontate nello scorso campionato di B1 femminile, approdando entrambe ai play off. Nel match d’andata in terra piemontese (9 dicembre 2017) la squadra di Giorgio Nibbio la spuntò 3-1 giocando una delle migliori partite della stagione, mentre nel match di ritorno al PalaCoim (8 aprile) servì il tie break per decidere l’incontro, vinto nuovamente dalle cremasche.

IL TURNO – Questo il programma della sesta giornata d’andata del girone A di B1 femminile: Futura Volley Giovani Busto-Don Colleoni, Arredo Frigo Makhymo-Florens Re Marcello, Tecnoteam Albese-Picco Lecco, Pneumax Lurano-Capo d’Orso Palau, Parella Torino-Scuola del Volley Varese, Volley 2001 Garlasco-Csv-Ra.Ma. Ostiano, Chromavis Abo-Lilliput Settimo Torinese.

LA CLASSIFICA – Don Colleoni, Futura Volley Giovani Busto 15, Acciaitubi Picco Lecco 14, Florens Re Marcello 12, Csv-Ra.Ma. Ostiano 11, Lilliput Settimo Torinese 10, Tecnoteam Albese 9, Chromavis Abo 7, Capo d’Orso Palau, Parella Torino, Arredo Frigo Makhymo, Volley 2001 Garlasco 3, Pneumax Lurano, Scuola del Volley Varese 0.

(Fonte: comunicato stampa)

LEADERBOARD_GPCAR_2008