S.lle Ramonda-Ipag Montecchio si prepara per lo scontro diretto contro Barricalla CUS Torino

LEADERBOARD_GPCAR_GENERIC
Foto UnioneVolleyMontecchio.it

Di Redazione

Dopo i segnali di ripresa ed il punto meritato sul campo di Marignano, la formazione allenata da Alessandro Beltrami si appresta ad uno scontro diretto contro Barricalla CUS Torino, in un campo difficile. Sarà importante per S.lle Ramonda-Ipag Montecchio conquistare punti importanti, contro un avversario che come le castellane ha dimostrato di poter sfoderare prestazioni di livello anche contro avversari più quotati. Per Montecchio sarà ancora assente la giovane centrale Bartolini che prosegue il programma di recupero e che nelle prossime settimane potrà riassaggiare l’atmosfera della partita.

Il tecnico Beltrami è soddisfatto del punto conquistato in Romagna e sottolinea come a squadra, sia riuscita a mantenere un buon livello di pallavolo per tutta la durata del match, confermando così i forti valori tecnici e caratteriali che accompagnano questa giovane formazione e che fino a questo momento hanno faticato ad emergere.

Riguardo l’imminente sfida di campionato, dichiara:

“Domenica affronteremo una squadra molto simile a noi, a cui piace difendere forte. Inoltre giocheremo in quello che secondo me è il campo più difficile del campionato dove è difficile avere punti di riferimento e proprio per questo motivo già nella mattina di domenica faremo un allenamento.” Continua Beltrami “Questa gara, come le prossime due saranno fondamentali per capire quale sarà il nostro tipo di campionato e per quale traguardo dovremo lottare, questo girone si sta dimostrando veramente complicato con molte partite dal risultato incerto” conclude l’allenatore castellano “Noi cercheremo di replicare la gara di settimana scorsa in cui abbiamo difeso bene, permettendo una buona uscita di palla, dando così la possibilità di attaccare con più efficacia. Mentre da Torino mi aspetto tanta versatilità in attacco, loro dispongono di una batteria di attaccanti molto bravi a variare i colpi oltre ad una buona profondità della panchina che permette loro di cambiare spesso e volentieri sestetti.”

(Fonte: comunicato stampa)

LEADERBOARD_GPCAR_GENERIC