Lorenzo Bernardi: “Dobbiamo capire prima quali siano i pericoli. Grandissima prestazione di Lanza”

LEADERBOARD_GPCAR_GENERIC
Foto: Michele Benda

Di Redazione

L’Emma Villas Siena ha fatto letteralmente vedere i sorci verdi alla squadra campione d’Italia nella partita di ieri pomeriggio. La Sir Safety Conad Perugia alla fine è riuscita a strappare la vittoria ai toscani, dopo un match lungo ed insidioso terminato al quarto set. Il coach degli umbri, Bernardi, fa una disamina dell’incontro ai microfoni del “Corriere dell’Umbria”.

Dopo una partita con tante emozioni a caldo siamo andati a sentire le impressioni di Lorenzo Bernardi.Quello che principalmente non ha funzionato è stato l’inizio del primo set, ne avevamo parlato molto in settimana della pericolosità che c’era nell’avere una partita del genere in casa, dopo una prestazione come quella di giovedì, dobbiamo capire prima quali siano i pericoli. Siamo in tempo di luna park in questi giorni qui a Perugia, ma in campo abbiamo visto le montagne russe, abbiamo ripreso nel terzo set giocando molto bene ma dopo ci siamo improvvisamente fermati“.

La crescita di Lanza: “In un momento in cui Leon era buono ma non straordinario, è emersa la grandissima partita di Pippo, sicuramente sta affrontando il suo percorso con serenità e determinazione, i risultati si vedono“.

Prima di Modena la difficile trasferta di Vibo: “Mercoledì avremo una gara ancora più insidiosa di questa, spero che gli episodi di primo e terzo set servano da lezione“.

Alle parole del coach si aggiungono quelle di capitan De Cecco. “Penso che dobbiamo imparare a capire che anche gli avversari giocano per vincere, se non siamo al cento per cento possono succedere questi cali. Dobbiamo essere bravi a cambiare subito con la testa di set in set e tornare concentrati, penso sia stata comunque una partita molto equilibrata e sofferta, meno male che abbiamo vinto noi“.

Una prestazione in crescendo e l’imbarazzo della scelta tra le vari opzioni di attacco. “Non avendo alte percentuali di ricezione al momento, la scelta di servire Leon piuttosto che Atanasijevic è scontata, sarà molto più bello quando i numeri in ricezione cresceranno e potremo distribuire il gioco fra tutti“.

PSG_2019_PREE_LEAD