Albino Massaccesi: “Era importante non perdere punti prima di Perugia e Trento”

LEADERBOARD_GPCAR_2008
Foto Lube Volley

Di Redazione

Parte il conto alla rovescia per il big match del primo novembre. Sarà un remake della Finale Scudetto, con i cucinieri e i perugini che si affronteranno nella quarta giornata di Superlega. Le due formazioni procedono a braccetto e sarà importante vincere lo scontro diretto. Soddisfatto sia della squadra che del ritorno di Sokolov in campo, Albino Massaccesi, come dichiarato dal Vice Presidente a “Il Resto del Carlino Macerata”.

Lube e Sir, sempre loro. Dopo tre giornate la SuperLega vede ancora loro in lotta per il primato, quelle che la scorsa stagione si sono contese ogni finale sul suolo italico. Giovedì ci sarà l’atteso big match, il primo grande duello (anche se va ricordato che la Lube ha battuto Perugia a casa sua nella finale di consolazione della Supercoppa) e all’Eurosuole Forum il campionato conoscerà la nuova regina.

Per adesso entrambe hanno 9 punti, domenica i biancorossi hanno espugnato Verona in una trasferta non facile e in contemporanea Leon ha trascinato i campioni d’Italia contro Trento. Le duellanti vanno a braccetto, hanno appena perso il primo set in assoluto e si sono imposte in rimonta. Davanti ai 4.000 spettatori della Agsm Arena, Civitanova è venuta fuori alla distanza contro la Calzedonia, trascinata dalla coppia Simon-Sokolov. Il cubano ha messo a referto 21 punti (tantissimi per un centrale) con 4 muri e 2 ace. E che dire di Sokolov? Per l’opposto 22 palloni a terra con il 54% di precisione ed anche 3 blocks. Il bulgaro non solo ha anticipato i tempi del rientro post operazione al tendine rotuleo, ma sta già giocando con continuità e a Verona ha sfornato la prima prova proprio da Sokolov.

Albino Massaccesi, tre su tre e Lube sia vincente che convincente? «Direi più vincente — risponde il vice presidente biancorosso — ma sapevamo che adesso sarebbe stato così. Il calendario era complicato in avvio, ancor di più avendo molto cambiato la squadra. Era importante non perdere punti prima di Perugia e Trento e ci siamo riusciti».

A Verona uniche note stonate il primo set e la gara sottotono (4 punti col 27%) di Leal? «Eravamo avanti, poi siamo andati stranamente in difficoltà. Su Leal niente da dire, le gare non sono tutte uguali ed un atleta seppur forte può incappare in una serata storta in un campionato che non conosce».

L’abbondanza di questo dream team però ha fatto la differenza. «Effettivamente — rileva Massaccesi — quest’anno abbiamo tante alternative per portare a casa il bottino pieno».

Bello rivedere Sokolov così. «Molto, più gioca e più cresce il suo ritmo partita».

E’ vero che in passato avevate cercato Boyer (31 punti col 55%)? «No, era monitorato come tanti altri».

Giovedì ecco il big match con Perugia. Quanto manca al sold out? «Poco, siamo oltre 3.800 biglietti venduti».

Quali settori restano? «Alcuni biglietti numerati ma anche qualcosina in curva a prezzi davvero bassi».

Civitanova sarà l’ombelico del volley, la gara top del campionato top. «Adesso — conclude Massaccesi — il risultato conta un po’ meno, si giocherà a viso aperto, sarà uno spettacolo».

LEAD_ERBAVOGLIO_ISTITUZIONALE