Mondiali – La Polonia sale sul tetto del Mondo! Sconfitto 3-0 il Brasile

LEADERBOARD_GPCAR_GENERIC
FIVB

Di Redazione 

Il diagonale di Bartosz Kurek, sul 24-23 del terzo set, decreta un clamoroso verdetto: la Polonia è campione del mondo. In un Pala Alpitour interamente sold out, la squadra di Vital Heynen ha letteralmente annullato la nazionale brasiliana, per 3-0 (28-26, 25-20, 25-23), conquistando così il prestigioso titolo mondiale.

Troppa Polonia, trascinata dalle sontuose prestazioni di Kurek e Kubiak, e troppo poco Brasile. Il solo Wallace non è bastato alla compagine allenata dal fischiatissimo Renan Dal Zotto, in una serata di grande festa della pallavolo, che ha decretato l’unanime verdetto: la Polonia guarda tutti dall’alto, è campione del mondo.

La posta in palio è grande, e lo si intuisce dall’agonismo messo in campo nel primo set dalle due compagini. La squadra di Heynen conduce per buona parte del parziale riuscendo, nonostante il tentativo arrembante dei brasiliani, a chiudere con il muro di Kurek (28-26). Nel secondo set la Polonia non si ferma, continuando a macinare gioco, trascinata da Kubiak e Kurek. Wallace non basta ai brasiliani, troppo imprecisi, e costretti a cedere 25-20. Sotto 2-0, chiunque si aspetterebbe la riscossa del Brasile, e invece in campo c’è ancora solo la Polonia. Dal Zotto inserisce William e Isac per Bruno e Mauricio, ma la sostanza non cambia. I verdeoro non si arrendono facilmente (25-23), in un finale di set che conferma un clamoroso verdetto: la Polonia vince.


LA CRONACA DEL MATCH

Renan Dal Zotto parte con il sestetto titolare: Bruno al palleggio e Wallace opposto, Lipe e Douglas Souza i laterali, Lucas e Mauricio Souza al centro, con Thales libero. Heynen risponde con Drzyzga – Kurek, Szalpuk e Kubiak schiacciatori ricevitori, Nowakowski e Bieniek al centro, e Zatorski libero.

1°Set:
E’ un primo set che da subito regala forti emozioni. La Polonia parte decisa e senza paura, tanto da essere già avanti al primo time out tecnico grazie all’ace di Kurek (8-6). Il Brasile risponde affidandosi principalmente alla potenza di Wallace, ben imbeccato dall’estroso Bruno (12-11). Nulla può tuttavia l’opposto verdeoro quando Kubiak cerca e trova le sue mani, portando i polacchi al massimo vantaggio (14-11), e soprattutto costringendo Renan Dal Zotto a chiamare tempo. Il capitano della Polonia continua a rappresentare una spina nel fianco per i brasiliani (17-13), che sprecano anche le poche occasioni avute: Lipe spara fuori, siglando il 21-17 avversario. Un finale di set in cui gli uomini di Heynen subiscono tuttavia la riscossa brasiliana con Lipe al servizio (21-20), conducendo il set ai vantaggi. A chiudere è però Kurek (28-26), abile a fermare il Wallace. Partita straordinaria.

2°Set:
La Polonia continua a macinare gioco, sfruttando gli errori della selezione brasiliana: Lipe si fa neutralizzare da Dryzga (5-2), e i ragazzi di Dal Zotto da subito devono inseguire. Sotto 8-4 al primo time out tecnico, il Brasile prova a rifarsi sotto con il muro di Lucas prima, e con il mani out di Douglas Souza dopo (10-8). Le due compagini mantengono altissimo il ritmo della partita, strappando l’applauso di tutto il palazzetto dopo una bellissima azione chiusa da Kubiak (13-10). Sotto di tre lunghezze al time out tecnico (16-13), il Brasile sceglie di affidarsi a Wallace e Lucas, unici giocatori che la fase di muro polacca non riesce a fermare: una buona sequenza vanificata però dall’errore di Douglas al servizio (19-16). Kurek vuole tuttavia rimanere il protagonista indiscusso del set e, lasciato abilmente a muro a zero dal suo palleggiatore Drzyga, chiude nei tre metri il 22-17. I ragazzi di Heynen definiscono il 25-20 con Kubiak, e si portano sul 2-0.

3°Set:
Chiunque si aspetterebbe la riscossa del Brasile, e invece in campo c’è ancora solo la Polonia. Dal Zotto inserisce William e Isac per Bruno e Mauricio, ma la sostanza non cambia, con i verdeoro sotto 11-4. Heynen, con i suoi in vantaggio 16-10 al secondo time out tecnico, chiede pazienza in quanto il Brasile ha già dimostrato di essere una nazionale dura a cedere. Non a caso Lucas Loh, subentrato a Lipe, e Douglas provano a tenere a galla i compagni di squadra, in un tentativo di rimonta che ha nel massimo terminale Wallace (17-14). La Polonia arranca sotto i colpi dell’opposto brasiliano (22-20), facendosi raggiungere fino al 24-23, ma Kurek chiude il pallone della vittoria. La Polonia è in cima al mondo.

POLONIA-BRASILE 3-0 (28-26 25-20 25-23)

POLONIA: Drzyga 3, Kubiak 12, Nowakowski 3, Kurek 24, Szalpuk 10, Bieniek 2. Zatorski (L), Schulz ne, Kochanowski 3, Lomacz, Konarski, Wojtaszek (L), Sliwka ne, Kwolek ne . All. Heynen.
BRASILE: Mauricio Souza 1, Bruno 1, Douglas 11, Lucas 6, Wallace 14, Lipe 6, Thales (L), Maique (L), William, Evandro 7, Isac 3, Eder, Lucas Loh, Kadu ne. All. Dal Zotto.

Arbitri: Pasquali (Ita) e Casamiquiela (Arg)

LEAD_BASE_ALD