Le azzurre di Davide Mazzanti sono pronte all’esordio contro la Bulgaria

LEAD_UNES_VGoloso-Pasqua2019
Davide Mazzanti
Credit Ufficio stampa Fipav

Di Redazione

Mancano meno di 24 ore all’inizio dell’attesissimo Mondiale femminile. L’attesa è finita. Alle ore 6.40 di domani, in diretta su RaiDue, le azzurre di Davide Mazzanti cominceranno la loro avventura affrontando la Bulgaria.

Un avvio non impossibile per la nazionale tricolore, che però non dovrà commettere l’errore di sottovalutare le avversarie e soprattutto lasciare punti per strada. Fondamentale, infatti, sarà raccogliere il massimo possibile dalle prime cinque partite, in vista dell’impegnativa seconda fase: la Pool B è accoppiata al girone C, dove sono presenti tra le altre Stati Uniti e Russia.
Senza guardare troppo oltre, però, l’obiettivo dell’Italia è quello di crescere partita dopo partita e in questo senso potrebbero rivelarsi utili le sfide contro Bulgaria, Canada (30 settembre, ore 6.40) e Cuba (2 ottobre, ore 6.40). Molto più difficili saranno invece le ultime due partite del girone: il 3 ottobre (ore 6.40) sarà la volta della Turchia di Giovanni Guidetti e infine giovedì 4 ottobre è in programma la gara contro le campionesse olimpiche cinesi (ore 12.20).

In casa azzurra tanta è la voglia di scendere in campo, un entusiasmo e una carica dettati anche dalla giovane età della squadra tricolore: 22 anni la media contro i 27 di Brasile e Stati Uniti.
Così come le sue atlete, anche Davide Mazzanti è pronto fare il suo esordio da primo allenatore in un campionato mondiale:
“Arriviamo a questo appuntamento dopo un periodo lunghissimo di preparazione, tra le ragazze vedo tanta elettricità positiva in vista dell’esordio. Dovremo vivere quest’avventura giorno per giorno, sarà infatti fondamentale gestire molto bene le energie e convogliarle tutte sulle avversarie che di volta in volta affronteremo. In una competizione così lunga penso sia molto importante dedicare la massima attenzione a ogni partita per evitare di commettere passi falsi. – continua il ctDobbiamo vivere il presente, senza fare troppi ragionamenti su calcoli o classifiche, la formula del Mondiale è così impegnativa e stressante che quasi ti impone di avere questo atteggiamento.
In questi giorni sto vedendo una squadra impaziente di iniziare, credo che tutto il lavoro svolto negli ultimi mesi ci abbia preparato nella migliore maniera ad affrontare una competizione così impegnativa come il Mondiale. Adesso ci misureremo contro le squadre del nostro girone e vedremo le risposte che ci darà il campo”.

Infine dichiara:
“Sulla scia del percorso che abbiamo fatto, ho detto alle ragazze che il Mondiale deve rappresentare una sorta di sogno – spiega Mazzanti Credo che sognare quello che vogliamo potrà aiutarci a raggiungere il nostro obiettivo. Nel corso delle gare, inoltre, mi aspetto inoltre una squadra creativa, è un elemento sul quale conto molto, anche perché rappresenterà l’indicatore di quanto siamo in partita.”

LE 14 AZZURRE – Palleggiatrici: Ofelia Malinov, Carlotta Cambi. Opposti: Paola Egonu, Serena Ortolani. Schiacciatrici: Lucia Bosetti, Elen a Pietrini, Miriam Sylla e Sylvia Nwakalor. Centrali: Cristina Chirichella, Sarah Fahr, Marina Lubian e Anna Danesi. Liberi: Monica De Gennaro, Beatrice Parrocchiale.

Il calendario della prima giornata – 29 settembre (orari di gioco italiani)

Pool A, Yokohama

ore 6.10 Messico-Camerun; ore 8.40 Germania-Olanda; ore 12.20 Giappone-Argentina.

Pool B, Sapporo

ore 6.40 Bulgaria-Italia; ore 9.10 Turchia-Canada; ore 12.20 Cina-Cuba.

Pool C, Kobe

ore 6:40 Russia-Trinidad & Tobago; ore 9:10 Azerbaijan-USA;  ore 12:20 Corea del Sud-Thailandia.

Pool D, Hamamatsu

ore 6:40 Porto Rico-Brasile; ore 9:10 Rep. Dominicana-Serbia; ore 12:20 Kazakistan-Kenya.

(Fonte: comunicato stampa)

Spalding_Leaderboard