Ravenna, la grande occasione di Andrea Argenta

Sandlovers_LEADERBOARD
Andrea Argenta
Ufficio Stampa Modena

Di Redazione

Anno nuovo, diagonale nuova. Nel cuore dei tifosi del Porto Robur Costa, la coppia Saitta-Argenta avrà un compito impegnativo. Dovrà infatti sostituire l’asse Orduna-Buchegger che, nella passata stagione, ha portato i giallorossi a gara tre contro Perugia nei quarti di finale dei playoff scudetto, e alla conquista della Challenge Cup, al Pireo, contro l’Olympiakos.

Sulle spalle di Andrea Argenta — che avrà come compagno di reparto il ventunenne ceco Smidl — graverà la parte preponderante del peso offensivo dei ravennati. Ma il ventiduenne opposto scaligero, che l’anno scorso si è messo in luce a Modena, e che nella stagione precedente a Potenza Picena aveva vinto il premio come miglior under 23 italiano e soprattutto il premio come miglior realizzatore della serie A2, ha già dimostrato di poter reggere pressioni di un certo tipo anche in piazze ‘importanti’. “Ravenna — ha spiegato Argenta, che si è pure guadagnato la maglia azzurra — è stata per me una scelta molto semplice e dettata da un unico e importante motivo: il club ha infatti voluto puntare sudi me, nonostante la mia giovane età, e ciò mi è bastato per convincermi. Ho capito di non voler perdere tempo a cercare altre motivazioni e ho accettato la proposta“.

Non solo ragioni tecniche, ma anche ambientali hanno spinto l’opposto ex modenese a cogliere al volo l’opportunità ravennate: “Conosco molti giovani atleti che sono passati dal Porto Robur Costa e ho sempre ricevuto ottimi feedback. Della città so che rimarrò in Emilia-Romagna e quindi sono sicuro che mangerò benissimo, a cominciare dalla piadina! A Modena mi sono trovato divinamente, ma mi sento in buone mani anche per il futuro”.

Dopo l’esperienza a Potenza Picena in A2, e dopo quella probante di Modena dove Argenta si è fatto trovare pronto nel corso della stagione per surrogare ai problemi di organico del ‘gialli’, ora arriva la grande occasione, ovvero una maglia da titolare in Superlega: “Personalmente mi considero un gran lavoratore, mi impegno al massimo nel perseguire e raggiungere gli obiettivi che mi pongo, anche se ciò richiede spesso più sforzi lungo il percorso. Di tutto il resto non mi preoccupo e lascio che siano i fatti a dimostrare quanto valgo“.

Se l’obiettivo del sestetto di coach Graziosi sarà quello di tentare di confermare la scorsa stagione, Argenta va ancor più nel concreto: “L’obiettivo principale per me è sempre quello di vincere tutte le gare. Voglio fare tanti punti ed essere utile alla squadra. Credo che bisogna sempre scendere in campo senza sentirsi sconfitti in partenza e affronteremo insieme le preoccupazioni per la classifica man mano che il campionato andrà avanti”.

(Fonte: Il Resto del Carlino Ravenna)

Spalding_Leaderboard