Nazionale femminile: le ragazze di Mazzanti sconfitte 0-3 dalla Russia

Sandlovers_LEADERBOARD

Di Redazione

Il secondo round della Volleyball Nations League si è aperto con una sconfitta per la nazionale italiana femminile, superata 0-3 (24-26, 12-25, 23-25) dalla Russia. Le azzurre non ce l’hanno fatta a centrare il primo successo nel torneo, dovendo restare ferme a quota 1 punto in classifica. Nel primo set le ragazze di Mazzanti si sono espresse sullo stesso livello delle avversarie, cedendo solo ai vantaggi. Tutta a favore della Russia la seconda frazione, contraddistinta da un lunghi passaggi a vuoto della nazionale italiana. Nel terzo Ortolani e compagne sono tornate in partita, ma alla fine l’hanno spuntata le russe.

Domani nella seconda giornata della pool di Suwon le azzurre torneranno in campo per affrontare la Germania (ore 9 italiane): match trasmesso in diretta da Raisport + Hd.

Come formazione iniziale il ct azzurro ha schierato Malinov in palleggio, opposto Ortolani, schiacciatrici Guerra e Pietrini, centrali Lubian e Olivotto, libero Parrocchiale.

In avvio di gara l’Italia ha sofferto la battuta della Russia, ma Lubian ha riportato velocemente in parità le compagne. Dopo poche azioni Cambi ha preso il posto di Malinov e la neo entrata ha accesso Serena Ortolani che è andata a segno a ripetizione, permettendo all’Italia di restare attaccata alle avversarie (17-17). Dopo un lungo inseguimento le azzurre, con in campo Bosetti e Sylla, sono riuscite a mettere la testa avanti (19-18), ma il vantaggio è durato molto poco. Le russe, infatti, hanno ripreso il comando e al secondo tentativo si sono imposte (24-26).

Nella seconda frazione sono state ancora le russe ad allungare, sul (7-8) l’Italia ha accusato un lunghissimo parziale, facendo tanta fatica a sviluppare il proprio gioco. Il tecnico azzurro ha prima inserito Malinov per Cambi e Fahr al posto di Olivotto, ma la nazionale tricolore è scivolata sempre più indietro, sino al definitivo (12-25).

Nel terzo set l’Italia si è schierata con in banda Bosetti e Sylla, partendo bene (7-3). La Russia, però, ha replicato immediatamente e grazie al turno in servizio di Parubets ha trovato la parità (8-8).

Molto combattute le fasi centrali del parziale, le due squadre infatti hanno dato vita ad un lungo botta e risposta. Con grande determinazione Ortolani e compagne sono riuscite a guadagnare un piccolo vantaggio (18-15), ma la Russia è rientrata ancora una volta (21-21). In un finale combattutissimo a spuntarla sono state le russe (23-25).

LEAD – Suzuki – Liberini