Champions League: il prontuario dell’evento visto dalla Lube Civitanova

LEADERBOARD_GPCAR_GENERIC
Ufficio Stampa Lube

Di Redazione

Scatta l’operazione Final Four di Champions League a Kazan per la Cucine Lube Civitanova: i biancorossi saranno da giovedì in Russia, per vivere nel weekend l’ultimo grande appuntamento dalla stagione 2017/2018. L’atto finale del massimo trofeo continentale, infatti, chiuderà l’anno agonistico: Stankovic e compagni vanno a caccia del titolo che manca dal 2002 nella bacheca cuciniera, al terzo tentativo consecutivo dopo le ultime due Final Four di Cracovia e Roma. Vediamo allora nel dettaglio tutto sulla due giorni di Kazan.

Edizione numero 59 del massimo trofeo continentale. Il massimo trofeo continentale di volley vivrà la sua edizione numero 59, sommando la vecchia Coppa Campioni (dal 1960 al 2000) e alla nuova Champions League (dal 2001 ad oggi). Ai nastri di partenza le quattro squadre che hanno dimostrato nell’edizione in corso di essere al top del volley europeo: oltre alla Cucine Lube Civitanova ci sono i campioni in carica dello Zenit Kazan (RUS), organizzatori dell’evento, i polacchi dello Zaksa Kedzierzyn-Kozle (vice campioni di Polonia e già affrontati dalla Lube nel Mondiale per Club a dicembre), e l’altra italiana Sir Sicoma Colussi Perugia appena laureatasi campione d’Italia proprio contro i biancorossi. La Final Four di Champions League torna in Russia, l’ultima volta fu nel 2013 a Omsk, con il trofeo vinto dal Lokomotiv Novosibirsk contro Cuneo.

Così la Lube nelle Final Four di Champions: sesta partecipazione, la terza consecutiva. La Cucine Lube Civitanova è alla sesta partecipazione alla Final Four di Champions League (la terza consecutiva) su dodici edizioni disputate (di cui sette) consecutive. Unico trofeo finora quello vinto ad Opole in Polonia nel 2002, all’esordio assoluto nella competizione. Dopo quel successo, i migliori risultati conseguiti nella massima competizione europea sono stati nell’ordine: due medaglie di bronzo (terzo posto) nel 2017 e nel 2016 (Finale 3°/4° vinta rispettivamente a Roma contro Berlin Recycling Volleys e a Cracovia Asseco Resovia Rzeszow), e due piazzamenti al quarto posto nel 2007 (Finale 3°/4° posto persa contro Dinamo Moscow) e nel 2009 (Finale 3°/4° posto persa contro Iskra Odintsovo).

Il percorso della Cucine Lube Civitanova nella Champions League 2017-18. Direttamente inserita nella Fase a Pool fra le 12 teste di serie, il cammino dei cucinieri parte con una sconfitta al tie break a Perugia nel match di esordio, poi quattro vittorie nette di fila contro i belgi del Knack Roeselare (doppio 3-0) e contro i turchi del Fenerbahce Istanbul (3-1 e 3-0). A qualificazione ottenuta con la certezza di essere testa di serie al sorteggio Playoffs, sconfitta inifluente nel match di ritorno contro Perugia in casa (0-3). Nei Playoffs 12 i biancorossi trovano i polacchi dello Skra Belchatow e vincono sia la gara di andata in trasferta (3-2) sia il ritorno in casa (3-0). Nei Playoffs 6 c’è il derby italiano con Trento, anche qui doppia vittoria Lube in casa (3-1) e in Trentino (3-2).

Le tre avversarie della Cucine Lube Civitanova in Final Four. Zaksa Kedzierzyn-Kozle (POL): alla 4a partecipazione alla Final Four di Champions League (l’ultima datata 2013 vide i polacchi perdere in Semifinale con la Bre Banca Lannutti Cuneo), la squadra guidata dal Campione del Mondo Andrea Gardini ha chiuso da capolista la Pool E, con gli stessi punti della Trentino Diatec. In Champions League il miglior risultato di sempre del sodalizio fondato nel 1947 è il terzo posto ottenuto nella Final Four 2003 al Forum di Assago a Milano, dove venne sconfitta in Semifinale dalla Kerakoll Modena, per poi guadagnare il bronzo contro il Paris Volley. Nella passata stagione, alla decima partecipazione nel massimo torneo continentale, finì la corsa nei PlayOffs 12 contro i russi del Belgorod. In patria è stata sconfitta nei giorni scorsi dallo Skra Belchatow nella Finale Scudetto.

Zenit Kazan (RUS): è l’8a partecipazione consecutiva alla Final Four di Champions League per la corazzata allenata da Vladimir Alekno. Campione in carica da tre stagioni consecutive (Berlino, Krakow e Roma), alle quali va aggiunto il titolo conquistato nel 2011-2012 a Lodz, la squadra russa quest’anno è il Club organizzatore della Final Four e cerca il quinto titolo tra le mura “di casa”. Dominatrice nella Pool D della fase a Gironi, dove ha chiuso in vetta con un distacco di 9 punti dalla seconda Wegiel, il Kazan ha quindi incrociato le braccia da fine febbraio scorso in attesa dei verdetti dei PlayOffs 12 e PlayOffs 6. In Russia ha appena vinto il titolo nazionale.

Sir Sicoma Colussi Perugia (ITA): è la seconda partecipazione alla Final Four di Champions League su tre edizioni disputate e gli umbri inseguono il primo trofeo europeo di sempre. All’esordio nella competizione, nell’edizione 2014-2015, Perugia viene eliminata ai PlayOffs 6 per mano dei polacchi del PGE Skra Belchatow. La scorsa stagione, gioca come Club organizzatore la Final Four al PalaLottomatica di Roma, supera al tie break in Semifinale proprio la Cucine Lube Civitanova, venendo poi sconfitta nella Finalissima dallo Zenit Kazan, che conquista il suo quarto titolo europeo.

I trofei Lube in Europa: caccia al sesto. La bacheca biancorossa vanta, oltre alla Champions vinta nel 2002, anche 3 CEV Cup (2001, 2005 e 2006) e 1 Challenge Cup (2011). Solo due giocatori Lube, Tsvetan Sokolov e Osmany Juantorena, hanno già vinto il trofeo grazie alle due Champions League del 2010 e 2011 conquistate con Trento.

Venti tifosi Lube anche in Russia, ci sarà anche il sindaco di Civitanova. Sono circa venti i tifosi Lube che coloreranno di rosso anche le tribune della Basket Hall di Kazan: seimila chilometri di passione (tra andata e ritorno) per seguire la squadra anche in Russia. Tra loro ci sarà anche il sindaco di Civitanova Marche, Fabrizio Ciarapica.

Il programma delle gare. Cucine Lube Civitanova e Zaksa Kedzierzyn-Kozle si affronteranno alle 15.00 (ora italiana) nella prima Semifinale in programma sabato 12 maggio (diretta Fox Sports Plus). Alle 18.00 l’altra sfida di Semifinale (diretta Fox Sports Plus) che vedrà opposte Zenit Kazan e Sir Sicoma Colussi Perugia. Domenica 13 maggio spazio alle Finali per il 3°/4° posto alle 15.00 (sempre diretta Fox Sports Plus) e la Finalissima a seguire alle 18.00 (diretta Fox Sports).

L’albo d’oro Coppa Campioni-Champions League
1960 CSKA Mosca (URSS)
1960/61 Rapid Bucarest (ROM)
1961/62 CSKA Mosca (URSS)
1962/63 Rapid Bucarest (ROM)
1963/64 SC Leipzig (GDR)
1964/65 Rapid Bucarest (ROM)
1965/66 Dinamo Bucarest (ROM)
1966/67 Dinamo Bucarest (ROM)
1967/68 Spartak Brno (CEC)
1968/69 CSKA Sofia (BUL)
1969/70 Burevestnik Alma Ata (URSS)
1970/71 Burevestnik Alma Ata (URSS)
1971/72 Zetor Zbroyovka Brno (CEC)
1972/73 CSKA Mosca (URSS)
1973/74 CSKA Mosca (URSS)
1974/75 CSKA Mosca (URSS)
1975/76 Dukla Liberec (CEC)
1976/77 CSKA Mosca (URSS)
1977/78 Plomien Milowice (POL)
1978/79 Stella Rossa Bratislava (CEC)
1979/80 Klippan CUS Torino
1980/81 Dinamo Bucarest (ROM)
1981/82 CSKA Mosca (URSS)
1982/83 CSKA Mosca (URSS)
1983/84 Santal Parma
1984/85 Santal Parma
1985/86 CSKA Mosca (URSS)
1986/87 CSKA Mosca (URSS)
1987/88 CSKA Mosca (URSS)
1988/89 CSKA Mosca (URSS)
1989/90 Philips Modena
1990/91 CSKA Mosca (C.S.I.)
1991/92 Il Messaggero Ravenna
1992/93 Il Messaggero Ravenna
1993/94 Edilcuoghi Ravenna
1994/95 Sisley Treviso
1995/96 Las Daytona Modena
1996/97 Las Daytona Modena
1997/98 Casa Modena Unibon
1998/99 Sisley Treviso
1999/00 Sisley Treviso
2000/01 Paris Volley (FRA)
2001/02 Lube Macerata
2002/03 Lokomotiv Belgorod (RUS)
2003/04 Lokomotiv Belgorod (RUS)
2004/05 Tours (FRA)
2005/06 Sisley Treviso
2006/07 VfB Friedrichshafen (GER)
2007/08 Dinamo Kazan (RUS)
2008/09 Trentino Volley
2009/10 Trentino BetClic
2010/11 Trentino BetClic
2011/12 Zenit Kazan (RUS)
2012/13 Lokomotiv Novosibirsk (RUS)
2013/14 Belogorie Belgorod (RUS)
2014/15 Zenit Kazan (RUS)
2015/16 Zenit Kazan (RUS)
2016/17 Zenit Kazan (RUS)

LEADERBOARD_GPCAR_GENERIC