Play off Superlega: gara quattro decisiva. Perugia e Civitanova per la finale

Sandlovers_LEADERBOARD
Ufficio Stampa Perugia

Di Roberto Zucca

Verso la finale o verso gara cinque? Domenica il giorno della verità. Sono ore decisive quelle che separano le quattro squadre dall’inizio di gara quattro delle semifinali scudetto e la tensione si taglia a fette nei campi di Trento e Modena, che nella serie sono attualmente in svantaggio sulle due corazzate Perugia e Civitanova, decise a prendersi questa finale scudetto già domenica. Il fattore campo anche in questo sarà l’elemento da tenere presente e finora ha portato sia a Trento che a Modena, le quali hanno rimandato le due big a bocca asciutta in gara due.


DIATEC TRENTINO-SIR SAFETY CONAD PERUGIA – Diretta Lega Volley Channel
Il tavolo è apparecchiato per la grande abbuffata di volley. Trento e Perugia arrivano a gara quattro in condizioni molto diverse. Perugia è reduce dalla conquista della Final Four di Champions e vuole proseguire con entusiasmo verso la conquista dell’ennesima finale di stagione. Trento sconfitta da Civitanova esce invece definitivamente dalla lotta per le finali di Champions e si presenta molto determinata nel trascinare Perugia alla bella. Positivo il ritorno in campo di Vettori, che è pronto per tornare nell’arena e Giannelli sarà colui chiamato a smistare i palloni per Luca che in extremis potrebbe essere sostituito da Teppan. Eder e Zingel garantiranno la copertura per De Pandis e Kovacevic e Lanza sono pronti a ripetere ciò che hanno fatto in gara tre. Perugia schiera Zaytsev in forma azzurra che in coppia con Russell potrebbe fare la differenza. De Cecco e Atanasijevic sono le altre due certezze così come i soliti Podrascanin e Anzani che nella scorsa gara hanno brillato sia al servizio che a muro. Occhio a Colaci, superbo in gara tre.

AZIMUT MODENA-CUCINE LUBE CIVITANOVA – Diretta RAI Sport
Modena si gioca un’intera stagione. Bellissima gara sotto gli occhi delle telecamere Rai quella che caratterizzerà domenica le gesta della Azimut e della Lube.
La squadra di Stoytchev dopo aver ceduto in gara tre, è la compagine con il dente avvelenato e cercherà di fare tesoro del fattore campo e dei migliaia di supporter gialloblu per andare in vantaggio sulla serie. Modena crede nel miracolo che solo Earvin Ngapeth potrebbe portare nelle fila degli emiliani, con il contributo del suo fratello adottivo Bruninho, che è anche ago della bilancia di questa squadra e garantirà i palloni migliori per Urnaut, ottimo in gara tre e di Sabbi o Argenta in extremis. Infine Holt e Mazzone sono le chiavi di volta di una compagine che potrebbe riuscire nell’impresa. Dall’altra parte Macerata, forte della qualificazione in final four di Champions, farà leva sulle prestazioni di Sokolov da posto due e Juantorena da posto quattro, con Sander in crescita rispetto alle scorse settimane. Christenson si affiderà anche alle sapienti mani di Stankovic che in Champions è andato alla grande e a Candellaro per garantire la continuità. Grebennikov è infine l’arma in più per contrastare gli attacchi dei gialloblu così come mostrato in molteplici occasioni la scorsa domenica.

 

ISPEDIA_LEADERBOARD