Match decisivo tra Canottieri Ongina e il Lorini Montichiari

LEAD_ERBAVOGLIO_ISTITUZIONALE
Ufficio Stampa Ongina

Una sorta di finale anticipata per i play off, più da dentro o fuori per l’avversario ma ugualmente importante anche per i gialloneri, sia per blindare il secondo posto sia per non perdere la scia dalla prima posizione. In serie B maschile, i riflettori del girone B sono puntati sul palazzetto di Monticelli, dove alle 21 andrà in scena il big match tra la Canottieri Ongina e la Lorini Montichiari, rispettivamente seconda e terza forza del raggruppamento. Cisano 60 punti, Ongina 57, Montichiari 54: questo il quadro a quattro giornate dal termine, con soprattutto tre squadre (senza dimenticare Brugherio e Montecchio a quota 50) che si contendono i due posti utili per i play off.

QUI CANOTTIERI ONGINA – In casa Canottieri Ongina, a presentare la partita è il tecnico Massimo Botti. “Nell’ultimo turno – spiega – Montichiari è incappato in un passo falso e ora c’è uno scontro diretto decisivo: la Lorini cerca di vincere per riaprire i giochi, mentre un nostro successo probabilmente chiudere il discorso qualificazione ai play off, mantenendoci al contempo in corsa per il primo posto. All’andata ho avuto l’impressione di sfidare una squadra di alto livello, estremamente solida e abituata a soffrire. Ci ha messo in difficoltà e abbiamo dovuto giocare una delle nostre migliori partite per venirne a capo: credo che sia così anche ora nel match di ritorno. Mi aspetto una Lorini con lo spirito battagliero da ultima spiaggia; a livello tattico, il match cambiò quando riuscimmo a limitare Fellini con il muro di Cardona. Cambiopalla contro muro-difesa loro? Abbiamo da poco reinserito Parisi dopo un lungo stop e qualche meccanismo va perfezionato, è normale. Inoltre, Binaghi sta migliorando giorno dopo giorno, Nasari ha accusato un problema al collo e vedremo”. Quindi conclude. “Giochiamo in casa e spero che ci sia il sostegno del pubblico: da qui in avanti il fattore campo sarà importante, serve il calore sulle tribune e i ragazzi ne hanno bisogno. Stiamo facendo cose straordinarie nell’indifferenza generale”.

L’AVVERSARIO – Rispetto all’andata, la Lorini ha cambiato condottiero tecnico: al posto di Simone Gandini (dimissionario) c’è Paolo Scatoli, in precedenza suo vice. “Sono tre punti in palio che pesano – spiega Scatoli – noi veniamo da una partita sbagliata (0-3 contro Montecchio, ndc) e dobbiamo ritrovare in primis noi stessi dopo aver lavorato bene in settimana. Per noi sono tutte finali, soprattutto quella con la Canottieri Ongina: gli stimoli sono automatici, per l’importanza della posta in palio, per il blasone dell’avversario, per la rimonta subita all’andata (da 2-1 a 2-3, ndc). E’ la partita dell’anno. In quell’occasione non abbiamo sfruttato l’opportunità per chiudere il discorso e se allenti l’intensità contro una squadra come la Canottieri, lei non perdona. Ha ottimi giocatori che se messi sotto pressione possono accusare, ma viceversa non sbagliano. A livello tattico, mettere i bastoni tra le ruote al loro cambiopalla è sicuramente un obiettivo”.

A dirigere l’incontro tra Canottieri Ongina e Lorini Montichiari saranno il primo arbitro Stefano Bosio e il secondo arbitro Alessandro Falavigna.

 

LEADERBOARD_CPCAR_GENERIC