Champions League: nel derby italiano è Novara a sorridere e a prendersi il primato

LEAD_ERBAVOGLIO_ISTITUZIONALE
Ufficio Stampa Novara

Di Redazione

Impresa pazzesca per la Igor Volley di Massimo Barbolini, che con una partita praticamente perfetta archivia la qualificazione ai Playoff di Champions League

Novara prima e Imoco seconda, entrambe le italiane qualificate ai play off a sei: questo il verdetto dell’ultima giornata della Pool B di Champions League giocata stasera al PalaIgor e vinta 3-1 dalle padrone di casa.

L’Imoco Volley, già certa dei play off dopo le 5 vittorie in fila di inizio girone, gioca a Novara il “derby” contro un’Igor invece ancora in cerca dei punti-qualificazione e dopo un match altalenante subisce la seconda sconfitta consecutiva contro le piemontesi, prossime avversarie domenica in campionato al Palaverde.

Coach Santarelli inizia con Wolosz-Fabris,De Kruijf-Danesi,Hill-Bricio e libero la rientrante De Gennaro. Risponde la squadra campione d’Italia con Skorupa-Egonou, Chirichella-Gibbemeyer, Plak-Piccinini, libero Sansonna.

Primo set senza storia con l’Imoco che cede le armi in maniera netta subendo il colpo psicologico dell’infortunio in avvio a Robin De Kruijf (ginocchio sinistro, da valutare nei prossimi giorni), e quello tecnico di una Egonou aggressiva e in gran serata, capace quando va in battuta di demolire regolarmente la linea di ricezione giallobù. Le Pantere soffrendo restano vicine con gli attacchi di Bricio e Fabris fino al 16-13, poi l’Igor dilaga approfittando di una ricezione ospite in grande difficoltà. Il break arriva con una serie di battute di Egonou, poi Plak e Piccinini chiudono il lavoro per il netto 25-16 finale.
Inizia il secondo set e l’Imoco improvvisamente si trasforma e inizia a giocare come sa, giocando con più sfrontatezza: subito 1-3 con Fabris ancora una volta riferimento per l’attacco veneto, orfano della bocca da fuoco De Kruijf. Anche Hill dà segni di vita con l’ace del 5-8, ma Egonou con due punti riporta a contatto le piemontesi. Danesi piazza l’ace del 7-10 e l’Imoco puntando molto con Wolosz anche sui primi tempi tiene il vantaggio, approfittando anche degli errori al servizio delle padrone di casa. Bricio piazza il +4 (8-12), poi un’ottima Danesi piazza il primo muro della serata gialloblu’, mandando le Pantere al +5 (10-15). Ma l’Imoco non è continua neppure nel secondo parziale nonostante i grandi progressi rispetto al set precedente in tutti i fondamentali, e Novara (entra anche Enright) ne approfitta trovando punti per riavvicinarsi con una Paola Egonou inarrestabile e una Skorupa in gran vena in regia. L’ace di Chirichella mette l’Igor in scia (14-16), poi entra Vasilantonaki e va a segno per il -1 (18-19). Wolosz fatica a trovare punti dalle bande, allora si affida spesso e volentieri a Folie e Danesi al centro, tenendo le Pantere avanti 20-21. Ma sulle battute micidiali di una Egonou scatenata (attacco sopra il 60% nei primi due set), il muro di Chirichella va a nozze trovando i punti del sorpasso mentre le attaccanti gialloblù faticano su palla alta. Time out di coach Santarelli sul 22-21 per l’Igor. Anche Egonou torna sulla terra e regala con un errore il nuovo vantaggio all’Imoco (23-22), e stavolta è Barbolini a fermare il gioco. Sprint finale e c’è subito una “caliente” Enright a pareggiare, ma ancora Anna Danesi in fast si propone per il 24-23. Pareggia Enright, solita “bestia nera” del muro gialloblù, poi la portoricana sorpassa (26-25). Wolosz affida il pareggio a Danesi, che annulla il primo set point, mentre il secondo (26-26) lo azzera Fabris in pallonetto. L’Imoco sorpassa 26-27 con una violazione aerea di Novara. Le piemontesi annullano e poi murano con Chirichella (28-27), che fa anche il bis e regala il set all’Igor che così con il punto conquistato si qualifica per i play off.
Ora si gioca per il primo posto nel girone, terzo set che inizia bene per l’Imoco con la pipe di Hill per l’1-3. Le due registe polacche, Wolosz da parte Imoco e l’ex Skorupa per Novara, danno spettacolo cercando di variare il gioco in una partita che cresce di tono. C’è Enright confermata in campo da coach Barbolini dopo il bel finale di set, ed è lei a dare fiato a Egonou con i suoi attacchi. Fabris e Hill rispondono bene però alla portoricana e l’Imoco tiene un minimo vantaggio, poi spinge fino al +4 (5-9), siglato da una bella pipe di Bricio. Due muri di Novara e si dimezza il vantaggio delle Pantere, ma ora Samantha Bricio dopo due set difficili ha preso ritmo e fiducia e l’Imoco resta avanti 7-11, anche grazie alle belle difese di Moki De Gennaro. L’Igor non demorde, difende palloni difficili, poi Enright ed Egonou (due attacchi e un ace) conducono le padrone di casa al break del pareggio (11-11). Ci pensa Hill a riportare avanti Conegliano 11-12. Si va punto a punto con un’Imoco che commette qualche errore di troppo e non riesce a prendere in mano il parziale: è un’ottima Chirichella a timbrare ancora con il muro (6 in totale) il vantaggio 16-14 per l’Igor. Coach Santarelli chiede time out per arginare una Novara che difende bene e attacca con percentuali eccezionali. Danesi resta concentrata e colpisce a muro, poi l’Imoco aumenta la pressione al servizio e pareggia 17-17. Le Pantere trovano fiducia, De Gennaro difende e Hill piazza colpi da maestra, suo il +2 (17-19) da seconda linea. Rientra Piccinini per Enright e va subito a segno, poi pareggio con ace di Chirichella (19-19). L’Imoco ora è intensa in battuta, ace di Kim Hill (19-22) dopo una bella fast di Danesi. Ma non è finita, ace di Piccinini (22-23), ma arrivano due set ball gialloblù (22-24). Il primo lo annulla Egonou, ma sul secondo Samanta Fabris chiude bene e l’Imoco si aggiudica il set 23-25.
Il quarto set vede iniziare in maniera scoppiettante, puntando molto sui fondamentali “terminali”: l’azzurra Chirichella con due aces colpisce una ricezione gialloblù ancora incerta e manda Novara in fuga (6-3), poi ancora avanti con i muri di Egonou e Piccinini (3-8). Continua l’emorragia, sul 3-9 dentro Marta Bechis e Nicoletti per Wolosz e Fabris. L’Imoco combatte, Bechis prova a variare il ritmob d’attacco, ma l’Igor nei momenti caldi non lascia cadere nessun pallone e allunga con Plak (12-5). Sul 12-6 rientrano Fabris e Wolosz, e la capitana piazza subito l’ace del -5. Egonou e Plak continuano a martellare, risponde Folie, ma le campionesse tricolori tengono il +6 (16-10). Ci prova Samy Bricio (16-11), poi un paio di difese importanti e l’altra Samanta (Fabris) chiude il -4 (16-12) e Novara chiede time out. Egonou (29 punti e 3 muri) viene murata da Danesi (17-13), ma si riprende subito e con il muro di Chirichella l’Igor è di nuovo a +6 (20-14), time out di coach Santarelli. Ma le piemontesi allungano ancora, un punto di seconda di Skorupa per il 22-14 stronca definitivamente l’abbozzo di rimonta delle Pantere, che escono sconfitte per la terza volta su cinque sfide stagionali dall’incrocio con l’Igor Novara e dovranno accontentarsi della seconda posizione nel girone dopo aver condotto dall’inizio (9 su 10 ora lo score europeo stagionale delle Pantere), mantenendo comunque saldo il posto ai play off che qualificano per la Final Four (venerdì il sorteggio). Chiude Plak 25-16 e domenica al Palaverde ci sarà la rivincita nella penultima di campionato (ore 17.00).

Igor: Chirichella 14,Piccinini 6,Gibbemeyer 6, Skorupa 3,Egonou 29,Plak 14,Sansonna,Enright 5,Bonifiacio ne, Vasilantonaki 1,Camera ne, .All.Barbolini

Imoco: Bricio 8,Hill 13,De Kruijf,De Gennaro,Fabris 15,Wolosz 2,Danesi 11,Folie 6,Bechis,Nicoletti ,Cella,Melandri ne,Lee ne, Fiori ne. All. Santarelli
arbitri: Maroszek e Gerothodoros
durata set: 24′,32′,27′,27′

(Fonte: comunicato stampa)

PSG_2019_PREE_LEAD