Novara la spunta al tie break e raggiunge in finale l’Imoco

LEADERBOARD_GPCAR_GENERIC
FOTO FILIPPO RUBIN / LVF

Di Redazione

Novara conquista la finale di Coppa Italia, superando in semifinale la Saugella Monza, con il punteggio di 3-2. L’Igor, sotto di 2-1, ha dato l’impressione di trovarsi a un passo soltanto dal baratro ma con un quarto set sontuoso è riuscita a raffreddare l’entusiasmo di Monza e a scalfire le sicurezze di una Saugella di altissimo livello e capace di grande intensità fino a quel momento.

Il tie-break, poi, è stato avvincente ma ha visto Novara dare l’impressione di essere maggiormente in controllo della situazione, fino al 15-13 che ha chiuso la sfida (nonostante un ultimo sussulto di Monza con l’ace del 14-13, che ha fatto tremare Novara e ha costretto Barbolini al time-out).

Sicuramente, però, la sfida per Novara è stata lunga e faticosa… e adesso sarà determinante vedere come l’Igor riuscirà a recuperare in vista della finalissima di domani. Un applauso, però, va anche alla Saugella Team, che si è confermata non certo un’intrusa a questo livello ma, anzi, una certezza, e potrà essere una cliente davvero pericolosa per tutti nei prossimi play-off per lo scudetto!

Primo set molto combattuto, con Novara che riesce da subito a imporre il proprio gioco, tentando la fuga, salvo poi incontrare una agguerrita Saugella Team Monza. Serena Ortolani disputa insieme a Begic una notevole parte centrale di set, giungendo fino al set point, ma ai vantaggi è Plak a chiudere, 27-25. Il secondo parziale viene deciso nuovamente ai vantaggi, in un set dove viene premiata la formazione in grado di sbagliare meno. Egonu è croce e delizia per le campionesse d’Italia, tanto da guadagnare ben due set point, ma sbagliare quello decisivo che assegna il parziale a Monza sul 29-27. Nel terzo set Saugella Team Monza parte molto forte, spingendo molto al servizio e trovando subito 4 ace. Novara non regge l’impatto, a causa di una ricezione molto faticosa che costringe Skorupa a giocare scontato. Le ragazze di Pedullà sono più pragmatiche e chiudono 25-20. Quarto set dove le campionesse d’Italia sembrano non aver risentito per nulla del set precedente. Egonu è una macchina da guerra, Monza prova a rimanere in gara con Ortolani, ma questa volta non c’è nulla da fare. Le novaresi conquistano il tie break, 25-19. Il tie break è una battaglia di nervi, ma alla fine è Novara a spuntarla è, che vola in finale dove affronterà Conegliano.

I SESTETTI
Barbolini schiera Skorupa al palleggio con Egonu opposto, Plak e Piccinini laterali, Chirichella e Gibbemeyer al centro con Sansonna libero. Luciano Pedullà risponde con la diagonale Hancock – Ortolani, Havelkova e Begic a lato, con Dixon e Devetag al centro, e Arcangeli libero.

1°SET
Parte subito forte Novara, lesta a sfruttare tre errori del Saugella. Un inizio deciso, che regala un ulteriore break (5-1) con il muro di Plak su Ortolani. E’ l’errore di Chirichella in 7 a consegnare un piccolo break alle brianzole (6-4). Un errore di formazione e l’attacco di Havelkova permettono a Monza di riavvicinarsi ulteriormente, prima del definitivo pareggio con l’ace di Dixon. Una pazienza lenta, che premia le brianzole che addirittura si portano in vantaggio grazie alla pipe di Begic. Monza difende più di Novara, grazie ad una buona correlazione con il muro, e guadagna un importantissimo break (11-13). Paola Egonu, con una diagonale stretta riesce a impattare il risultato in parità (17-17). Saugella conduce in un set punto a punto (21-20), fino all’importantissimo break di Egonu (23-22). La stessa giocatrice azzurra con un brutto errore in diagonale manda il Saugella al set point (24-23), poi annullato. Ancora Egonu regala questa volta alle sue la possibilità di concretizzare il primo set (26-25), e Plak chiude in diagonale dopo una grande difesa di Sansonna.

2°SET
Prima parte del secondo set molto combattuta, con entrambe le palleggiatrici che si affidano alla propria zona 4: Begic da un lato, e Plak dall’altro (7-7). Qualcosa nel fondamentale di attacco di Novara si inceppa e Monza, grazie agli errori delle campionesse d’Italia, scappa. L’attacco di Plak e l’errore di Hancock rimettono però in carreggiata Novara che con il prezioso break si riporta a -2. Saugella Monza strappa il 20-18 con un pallone contestato dopo uno scambio intenso ma non ben giocato. Novara prova così ed emulare il primo parziale, ma Ortolani rimette le cose in chiaro con un attento diagonale (21-20). Enright spreca malamente una bella imbeccata di Skorupa, regalando un fastidioso break al Saugella (21-23). Pallonetto spinto di Ortolani e set point Saugella (24-22), con il primo annullato da Egonu. Ortolani spreca, e ancora una volta il set si decide ai vantaggi, dove entrambe le squadre sprecano tantissimo. A sbagliare meno è Saugella, che porta a casa il set 29-27.

3°SET
Dopo un inizio di marca fortemente novarese (3-0), è Sonia Candi a smuovere il risultato con un attacco al centro sporcato, a cui seguono i due ace di Havelkova. Monza prova ad andare in fuga, grazie ancora a due ace, questa volta di Ortolani, ma è Piccinini a provare ad invertire la rotta (6-7). Un nuovo ave, questa volta di Begic, costringe Barbolini a chiamare il time out (9-6). Novara sembra aver perso la tranquillità iniziale, complice l’entusiasmo e l’attenzione messi in campo dalle ragazze di Pedullà, che ora conducono di 4 lunghezze (15-11). L’errore in ricezione di Begic riavvicina Novara (18-16), ma è Ortolani a strappare un fondamentale break point con un millimetrico lungolinea (20-16). Dixon punisce l’errore in ricezione di Sansonna sulla battuta di Candi (24-19), prima della definitiva chiusura per mano dell’errore di Plak.

4°SET:
Questa volta Novara parte molto decisa, capitalizzando gli errori concessi in attacco dal Saugella, subito sotto 6-2. Un risultato in salita che porta Pedullà a chiamare il time-out, che porta a buoni risultati visto il break conquistato dalle brianzole con Ortolani. Egonu cerca di rifarsi degli errori del set precedente, risultando decisiva in due occasioni, così come Plak dalla seconda linea (12-8). Una buona fase muro difesa assegna a Monza il break che consente di rimettere in gioco il set: da segnalare l’ottima battuta e difesa di Sonia Candi. Set che procede punto a punto, con l’Igor che si mantiene a +3, fino all’errore di Havelkova da zona 4 (19-15). Pedullà vuole vederci chiaro e chiama il tempo. Novara continua a spingere, trova con Egonu il set point (24-18), che poi chiude definitivamente e manda tutti al tie break.

TIE BREAK
Primo punto molto contestato, ma l’attacco di Ortolani è out (0-1). L’errore di Havelkova manda Novara sul +2 (3-1). Monza è molto contratta, e le ragazze di Barbolini lo percepiscono: un errore in ricostruzione del Saugella manda Novara al massimo vantaggio (5-3). Egonu alza la voce al servizio dopo tre errori consecutivi nel fondamentale da parte di entrambe le squadre e al cambio di campo Novara è avanti 8-5. Havelkova prova a tenere in partita le sue compagne (10-7), ma Hancock vanifica tutto con l’errore al servizio. Saugella però non demorde e, con un po’ di malizia, conquista il break che la manda al -2 (11-9). Chirichella alza la voce e chiude un primo tempo nei 4 metri, ma Monza è lì (13-11). Egonu con una palla sporcata manda Novara al match point (14-11) ma si scatena Begic che porta Monza al -1 (14-13). Egonu chiude, e Novara è in finale (15-13).

IGOR VOLLEY NOVARA – SAUGELLA TEAM MONZA 3-2 (27-25, 27-29, 20-25, 25-19, 15-13)
IGOR GORGONZOLA NOVARA:
Piccinini 4, Gibbemeyer 7, Skorupa 1, Plak 20, Chirichella 17, Egonu 35, Sansonna (L), Zannoni, Vasilantonaki, Bonifacio, Enright. Non entrate: Camera. All. Barbolini.
SAUGELLA TEAM MONZA: Hancock 4, Havelkova 16, Devetag, Ortolani 28, Begic 18, Dixon 10, Arcangeli (L), Candi 7, Orthmann, Loda. Non entrate: Rastelli, Balboni, Bonvicini. All. Pedulla’.

ARBITRI: Satanassi, Florian. NOTE – Spettatori: 3632, Durata set: 33′, 30′, 24′, 26′ , 18′ ; Tot: 131′.

 

LEAD_ERBAVOGLIO_ISTITUZIONALE