Marcos Milinkovic: “Sogno una panchina in Europa. Italia, che ricordi!”

LEAD_Alfapaint_istit

Di Paolo Frascarolo

Marcos Milinkovic, Un giocatore fantastico, che ha fatto sognare tantissimi tifosi nel campionato italiano con le maglie di Livorno, Treviso ma soprattutto Milano, dove vestiva la maglia di quella incredibile favola chiamata Asystel. Una classe incredibile, capace di accendere i palazzetti, che gli ha permesso di vincere “solo” una Coppa Italia, una Coppa dei Campioni e una Supercoppa Europea. Senza dimenticare, ovviamente, il titolo di miglior giocatore al Mondiale nel 2002.

L’ex opposto della nazionale argentina, ha firmato da pochi giorni un accordo con la società sportiva dell’Università 3 febbraio (UnTreF) che lo impegnerà come direttore tecnico e manager sportivo del club e del suo settore giovanile. Ma Marcos, che settimana scorsa era passato dall’Italia per una rimpatriata con i vecchi compagni dell’Asystel dei miracoli, capace di arrivare nella sua prima stagione in A1 alla finale scudetto, stava cercando un ingaggio come allenatore e sembrava essere molto motivato a tornare a lavorare in Italia. Evidentemente l’offerta dell’UnTreF lo ha colto di sorpresa e lusingato. Milinkovic ha accettato ma il suo obiettivo è tornare in Europa non appena ci sarà un’occasione di lavoro concreta, come emerge dalle sue parole nell’intervista che la nostra redazione gli ha dedicato.

Ha sempre pensato di intraprendere la carriera da allenatore?
“Con il tempo, quando ho iniziato ad essere un giocatore più maturo, mi rendevo conto quanto mi piacesse aiutare i più giovani sul campo e fuori. In quel momento ho capito che la panchina potesse essere una strada percorribile”.

Reputa sia cambiato il suo approccio al lavoro passando da giocatore ad allenatore?
“Sono due cose veramente diverse. Quando sei un giocatore, il tuo unico pensiero è quello di allenarti al massimo: una volta a casa stacchi la spina, e pensi a riposarti. Quando sei un allenatore, invece, il tuo lavoro ti prende a 360°. Sei coinvolto anche quando torni a casa con video, analisi e programmazione. Quella dell’allenatore è una figura realmente lavorativa”.

Esistono differenze rilevanti tra il campionato argentino e il nostro?
“C’è una profonda differenza dal punto di vista organizzativo: l’Italia è molto più avanti. Dal punto di vista economico, in Argentina solo pochi club, come il Personal Bolivar e il UPCN Voley di San Juan, hanno i soldi per creare un roster competitivo. In Italia si investe maggiormente”.

Ora ha accettato un incarico da Direttore Tecnico. Cosa vede nel suo futuro?
“La mia è una scelta temporanea: ho infatti un sogno nel cassetto. Mi piacerebbe tantissimo allenare in Europa, dove il livello tecnico è altissimo. Parlo di campionati come quello italiano, francese e turco, ma non solo. Poter allenare in una nazione che viva di pallavolo, dove si possa anche investire”.

In Italia ha lasciato un ricordo bellissimo…
“Sono appena stato in Italia e ho provato emozioni fortissime. Nella mia carriera ho girato molto, ma l’Italia mi è rimasta veramente nel cuore. A Milano sono stati 3 anni indimenticabili, che ricordi quell’Asystel…”

Quale differenze vede tra gli opposti attuali, e quelli degli anni ’90?
“L’opposto è un ruolo che fortunatamente ha subito meno evoluzione rispetto ad altri ruoli nel confronto con il passato. I cambiamenti sono visibili, soprattutto gli schiacciatori hanno imparato ad attaccare con una velocità notevole. L’opposto forse è dotato di ancora più fisicità”.

C’è qualche interprete di questo ruolo che le ricorda Marcos Milinkovic?
“Ci sono molti opposti di alto livello nel mondo. Quelli che più mi hanno impressionato alle scorse Olimpiadi sono stati Ivan Zaytsev e Wallace, due giocatori incredibili…”.

Semplicemente, aggiungo, Marcos Milinkovic.

LEAD_Alfapaint_istit