SuperLega: Latina, che impresa. 3-0 a Civitanova

PSG_2019_PREE_LEAD

Di Redazione

Prima sconfitta in SuperLega per la Cucine Lube Civitanova, che rimedia una secca sconfitta (3-0) a Latina nella quarta giornata di andata contro una Taiwan Excellence determinata e capace di mettere in difficoltà i campioni d’Italia, sfruttando i tanti errori di Stankovic e compagni soprattutto in battuta (17 errori e zero ace contro i 5 di Latina) e in attacco. Complessivamente 25 gli errori punto dei biancorossi, non bastano i 14 punti di Juantorena (58% in attacco) top scorer dell’incontro. Latina si affida al duo Maruotti (13 punti e 61% del match)-Savani (MVP e 4 ace), e ai 5 muri di Rossi.

Gara approcciata sicuramente non al meglio dagli uomini di Medei, che sbagliano molto al servizio e in attacco nel primo set permettendo a Latina di portarsi avanti. C’è la reazione Lube nel secondo set, poi il contestato il video check nel cuore del parziale, chiamato da Latina per un’invasione a rete sul colpo di Cester (che non c’era) su cui però l’arbitro rileva una invasione aerea dello stesso centrale biancorosso. Da quel momento cambia il set che gira dalla parte dei pontini con i soliti Savani e Starovic sugli scudi. Nel terzo parziale Latina sembra avere dalla sua parte il pallino del gioco: cucinieri ancora molto fallosi al servizio, tentano una reazione fino all’ultimo ma la determinazione di Latina ha la meglio.

La partita
Medei in partenza sceglie la coppia di centrali italiani Candellaro-Cester, con Sander e Juantorena schiacciatori e la consueta diagonale Christenson-Sokolov, Grebennikov libero. Con Latina in campo gli ex Starovic e Savani.
Subito break di Latina con Savani e poi Starovic (8-4), i biancorossi fanno fatica in attacco contro l’attento muro-difesa dei pontini e quando Gitto ferma Candellaro la Taiwan Excellence arriva a +5 (10-5). Cester prova a scuotere i suoi con due muri consecutivi (13-9) ma la Lube sbaglia molto nel parziale sia al servizio (5 errori) sia in attacco (3 contro 0 degli avversari). Medei prova le carte Kovar e Stankovic, arriva un altro guizzo per il 21-18 ma non basta per la rimonta, Latina chiude su un altro errore in battuta dei cucinieri (25-21). Non basta il 75% in attacco di Sander.

C’è equilibrio nel secondo set, la Lube sbaglia meno, Latina allo stesso modo tiene sempre alte le sue percentuali d’attacco (8-8, 50% per i pontini): i biancorossi provano ad alzare il livello di gioco con i contrattacchi di Juantorena e Candellaro (12-15), poi un episodio contestato (video check chiamato da Latina per un’invasione a rete su cui però l’arbitro rileva una invasione aerea di Cester) porta Latina prima a -2 (15-17), contribuisce ad innervosire i cucinieri e Savani piazza due ace per il 17-17. I pontini si rilanciano guidati sempre da Savani e Rossi (muro del 20-18, entra Kovar per Sander), arriva la rabbiosa reazione Lube con Christenson a muro (20-21). Ora è battaglia vera, Shoji difende l’attacco senza muro di Sokolov poi Rossi mura il nuovo +1 Latina (22-21): la Taiwan Excellence non si ferma, Starovic a muro e l’ace di Maruotti consegnano il set ai padroni di casa (25-22).

Nel terzo set ci sono di nuovo Kovar e Stankovic per Sander e Candellaro, la Cucine Lube Civitanova prova a reagire (3-6), ma Latina riacciuffa subito i biancorossi (7-7) con Savani. Medei inserisce Zhukouski in regia, la Taiwan Excellence continua a mettere in difficoltà i campioni d’Italia con un attacco efficace e grande intensità in difesa (14-11) mentre i cucinieri tornano a sbagliare davvero molto dai nove metri. Nonostante questo la Lube resta lì con Juantorena (19-19) ma il muro su Kovar rilancia di nuovo Latina (21-19): tornano dentro Sander e Candellaro, si va ai vantaggi dove dopo aver annullato due match ball e non aver sfruttato una palla set, i campioni d’Italia cadono sul muro di Sottile su Sokolov (28-26).

Cristian Savani: “Stiamo lavorando molto in palestra ma siamo pochi. Questa sera è uscita la Latina che vogliamo. Una partita perfetta anche per questo pubblico, ci siamo rimessi in corsa”.

Vincenzo Di Pinto: “Dovevamo giocarcela, noi non siamo abituati a partecipare. L’abbiamo preparata bene, siamo stati costanti e siamo cresciuti nella battuta. Tutti hanno svolto il loro compito, bravi a tutti. Anche se loro hanno ricevuto bene, noi sapevamo cosa fare. Questa società è molto seria, va a loro il merito, perché hanno creduto in questo gruppo. Dobbiamo però stare con i piedi per terra e continuare a lavorare”.

Davide Candellaro: “La partita migliore per Latina. Ci sono degli arresti in campionato e per noi c’è stato oggi. Dobbiamo prendere insegnamento da questa gara e andare avanti”.

Giampaolo Medei: “Ero scuro in volto si dall’inizio perché mi sono accorto che non avevamo l’approccio giusto per gare come queste. Sapevo di dover affrontare una gara difficile, perché conosco bene il PalaBianchini e Latina. Forse abbiamo pagato un po’ di stanchezza nel giocare gare così ravvicinate, ma questo non deve essere un alibi”.

Il tabellino
Taiwan Excellence Latina-Lube Civitanova 3–0 (25-21, 25-22, 28-26)
TOP VOLLEY LATINA: Cacciopola (l) n.e., Shoji (l), Gitto 3, Sottile 3, Le Goff 1, De Angelis, Corteggiani, Savani 10, Rossi 11, Ishikawa n.e., Maruotti 13, Kovac n.e., Huang, Starovic 12. All. Di Pinto.
CUCINE LUBE CIVITANOVA: Sokolov 13, Candellaro 4, Sander 7, Marchisio n.e.. Juantorena 14, Casadei n.e., Stankovic 1, Kovar 3, Grebennikov (l), Christenson 2, Cester 6, Milan n.e., Zhukouski 1. All. Medei.
ARBITRI: Florian; Pozzato.
NOTE: 1331 spettatori, incasso non comunicato. Latina: 14 battute sbagliate, 5 aces, 9 muri vincenti, 58% in ricezione (40% perfette); 46% in attacco. Lube: 17 b.s., 0 aces, 8 m.v. 60% in ricezione (35% perfette), 51% in attacco. Mvp Savani

(Fonte: comunicato stampa)

LEADERBOARD_GPCAR_GENERIC