Sanja Malagurski immediatamente a disposizione della Foppapedretti

Sandlovers_LEADERBOARD
Ufficio Stampa Bergamo

Di Redazione

Non ha saputo aspettare: è atterrata in Italia dalla Serbia nel pomeriggio di lunedì e la sera era già sul parquet del PalaNorda. Sanja Malagurski non ha voluto perdere tempo e si è gettata subito nell’avventura rossoblù. L’opposto serbo aveva una gran voglia di sentirsi a tutti gli effetti parte della Foppapedretti Bergamo. E così ha subito indossato maglia e ginocchiere e si è unita al gruppo. Si è messa agli ordini di coach Micoli e ha iniziato a scrivere la sua nuova storia.

Qual è la prima sensazione che hai provato arrivando a Bergamo?
“Come dicono, la prima sensazione è sempre la più importante. E io posso dire solo che ho trovato tutto molto positivo. Sono qui solo da ventiquattro ore, ma mi sento già dentro questa famiglia che so ha una tradizione grandissima”.

Arrivi da una lunga estate di lavoro conclusa con un po’ di amarezza. Qual è il tuo stato d’animo?
“Ho trascorso quasi sei mesi con il gruppo e quando è arrivato il momento di vivere la cosa più importante, quella per cui ti prepari da tutta l’estate, è arrivata la grande delusione. Ma alla fine questo è lo sport: credo che siano andate all’Europeo le quattordici migliori in questo momento nella Nazionale serba e sono felice per loro. Ma io passo ai miei nuovi obiettivi”.

La tua condizione fisica sarà già al top, visto il lungo lavoro estivo.
“Sto bene. Mi sono sempre allenata, ho riposato un paio di giorni dopo che le ragazze sono partite per gli Europei, prima di arrivare qui, ma ho sempre fatto pesi e sono pronta”.

Quali sono i tuoi obiettivi ora?
“Gli obiettivi sono sempre quelli più alti. Ogni giocatrice sicuramente la pensa come me. Io arrivo in una squadra secondo me già molto forte. Spero di stare bene fisicamente e di lavorare sempre bene per i migliori obiettivi. IlCampionato italiano è ogni anno sempre più forte, quindi sarà durissima, però io spero veramente di avere una bella stagione”.

Hai collezionato successi in ogni Paese in cui sei stata. Sai come si vince e puoi spiegarlo alle tante ragazze giovani che trovi in squadra…
“Vincere è facile se vuoi dare il tuo massimo e se ami quello che fai. Così sei sulla strada giusta. Qui ci sono tante ragazze giovani ma già pronte per lavorare, alcune le conosco già quindi sarà ancora più facile per me ambientarmi e adattarmi. Poi ci sono anche ragazze con tanta esperienza”.

Da te, però, ci si aspetta molto.
“Ma certo che si aspettano molto. Sono arrivata in questa squadra come una giocatrice che deve fare tanti punti e io spero veramente di stare bene e lavorare bene per poi alla fine giocare bene e fare quello che ci si aspetta da me”.

Come ti racconteresti a chi non ti conosce?
“Sono una persona molto molto emotiva, un pochino chiusa, ma cerco di essere sempre positiva e di essere disponibile con gli altri. Questo credo sia importate anche per lo sport che faccio, perché non è uno sport individuale e devo condividere con il gruppo. Sono molto emotiva anche come atleta, mi piace urlare in campo, aiutare, essere aggressiva”.

Cosa ti hanno detto di Bergamo?
“Ho ascoltato tante belle storie da chi ha giocato qui. Da Jelena Blagojevic, che è innamorata di Bergamo, e da Mina Popovic. Con loro ho trascorso l’estate in Nazionale e mi hanno parlato solo bene di questa città e di questa Società. Ma anche io che sono passata da qui come turista posso solo parlarne bene. Sapere che quest’anno questa sarà la mia casa mi rende molto molto contenta. E tra le altre cose, il mio obiettivo turistico di questa stagione sarà trovare posticini che mi rilassino”.

(Fonte: Comunicato Stampa)

 

Sandlovers_LEADERBOARD