Volleymercato: Marsala, in cabina di regia ci saranno Agostinetto e Mucciola

LEAD_BASE_ALD
Foto Ufficio Stampa Sigel Marsala

Di Redazione

Completata la cabina di regia della Sigel Marsala, che quest’anno disputerà il campionato di A2 Femminile. Giulia Agostinetto, atleta molto nota a capo Boeo soprattutto per i recenti trascorsi a S.Teresa Riva, è infatti, la nuova palleggiatrice della formazione siciliana.

La giocatrice veneta – Sono nata a Musile di Piave – tiene subito a precisare – e non a San Donà, che sta dalla parte opposta del fiume – arriva in maglia azzurra dopo aver vinto il campionato di B1 proprio con la MAM S.Teresa, anche se poi è andata come è andata – Ho lasciato un ambiente straordinario e una grande tifoseria. A S.Teresa Riva ho trascorso due anni stupendi, vivendo in prima persona quella crescita complessiva che ha poi portato direttamente alla vittoria del torneo. Ma adesso sono già pronta a ripartire da Marsala – Questa A2, aggiungiamo noi, siamo sicuri che un po’ le appartenga. Giulia Agostinetto, classe 1987, 179 cm. d’altezza, vanta un’esperienza a dir poco invidiabile. E’ una che, partendo dalla gavetta, ha trasformato la sua passione in una ragione di vita – Ho sempre vissuto la pallavolo a tempo pieno, tralasciando tutto il resto e sacrificando anche gli studi successivi al diploma. Ma, non mi nascondo dietro un dito, ho sempre cercato di dare tutto quello che avevo in termini di energie nello sport che adoro sin da ragazzina. Qui a Marsala abbiamo ancora davanti ai nostri occhi la sua prestazione maestosa in una delle ultima gare dello scorso torneo disputate al PalaBellina, ripresa in diretta TV, quando la MAM ottenne la virtuale certezza del primo posto espugnando il catino azzurro al tie-break – Un grande ambiente anche quello del PalaBellina, un ambiente e una società che meritano i traguardi che stanno raggiungendo e che proveremo a varcare assieme – E così sarà ancora una volta la Sicilia a incrociare la storia sportiva di Giulia Agostinetto. E saranno Marsala e la Sigel a giovarsi di quanto lei ha imparato nella sua carriera ormai ultradecennale – Gli stimoli sono sempre tanti. E l’amore che ho verso questo sport contribuisce a mantenerli perfettamente integri – E per una che la serie A ce l’ha ormai nel sangue.

Valeria Mucciola, classe 1994, 178 cm. d’altezza, è invece l’altra palleggiatrice di Marsala.

L’atleta reggina – Sono nata nel “cuore” di Reggio Calabria – afferma con orgoglio, arriva dall’Alfieri Cagliari. Una squadra che lo scorso anno ha partecipato con onore al girone A della B1. Ci racconta, a tal proposito, il neoacquisto azzurro– Ci siamo salvate seppur soffrendo, a causa dei tanti infortuni patiti da alcune delle mie compagne, raggiungendo l’obiettivo minimo che la società si era proposto. Le chiediamo, naturalmente, di Marsala e della Sigel – Ho incontrato la Sigel da avversaria due anni addietro, quando l’ho affrontata con la maglia della GiòVolley Aprilia. Conosco coach Campisi da “avversario”. So che è il tecnico storico della società. Conosco anche molte della altre mie papabili compagne, ma sempre e solo da “avversarie”. So comunque che nella vostra città si sta davvero bene – poi passa al momento in cui ha scelto Marsala – Ho parlato al telefono con il D.S. Buscaino: mi ha subito convinto la passione che trapelava dalla sua proposta, facendomi di colpo mettere da parte tutte le altre che avevo ricevuto. Fare sport al sud è sempre più difficile. Mi è davvero dispiaciuto quanto è successo a S.Teresa, piazza alla quale sono rimasta davvero affezionata. E la solidità della vostra società è ancor più preziosa proprio per quanto accade ogni anno – Passione, ambizione e perché no, anche quel pizzico di testardaggine necessaria a puntare l’obiettivo e raggiungerlo: queste doti sono trapelate dalla nostra prima chiacchierata con la nuova palleggiatrice azzurra. Doti importanti che le permetteranno di condurre in porto una stagione importantissima. Per lei e per la Sigel Marsala Volley. Come si suol dire: il mattino ha l’oro in bocca.

(Fonte: comunicato stampa)

 

LEAD – Suzuki – Liberini