Ravenna vola alla Final Four

PSG_2019_PREE_LEAD
Ravenna vola alla Final Four
Foto Ufficio Stampa Bunge Ravenna

Ravenna raggiunge la Calzedonia Verona alla Final Four in programma il weekend del 22 e 23 aprile. La Bunge va oltre il muro di Vibo Valentia e centra la terza vittoria che vale la qualificazione alla fase finale dei playoff che valgono il quinto posto che dà diritto all’accesso in Challenge Cup. In terra calabrese i ravennati superano la Tonno Callipo per l’ennesima volta in quattro frazioni (22-25, 25-19, 22-25, 24-26), tirando fuori tutte le loro forze residue, sia fisiche sia mentali, in una partita che quasi sempre è stata sul filo dell’equilibrio, annullando anche due set ball che avrebbero portato al tiebreak. I romagnoli ci hanno creduto e hanno sfruttato al meglio le occasioni concesse dalla squadra di Kantor e hanno prevalso trascinati soprattutto da Torres (Mvp della partita) e Lyneel. Se l’opposto portoricano è stato l’assoluto trascinatore in attacco e, soprattutto, in battuta, il capitano transalpino è stato decisivo con le sue giocate a tutto tondo in ogni fondamentale.

La formazione della Tonno Callipo è composta dal palleggiatore Coscione in diagonale con Michalovic, da Thiago Alves e Geiler in banda, da Barone e Deivid Costa al centro e da Marra in seconda linea. Il coach Soli recupera Spirito e lo schiera nel sestetto iniziale assieme all’opposto Torres, gli schiacciatori Lyneel  e Van Garderen, i centrali Bossi e Ricci e il libero Goi.

Primo set Dopo una prima fase di equilibrio i padroni di casa, spinti da Michalovic e Geiler, piazzano un break di 4-0, passando da 8-7 a 12-7. Vibo Valentia continua la sua marcia allungando a +7 (16-9), ma la Bunge reagisce alla grande con un parziale di 2-9 e pareggia il conto con Torres: 18-18 e time out Kantor. Il sorpasso porta la firma di Raffaelli, che stampa il muro del 19-20 per poi ripetersi nella rigiocata: 19-21. Michalovic sparacchia fuori la schiacciata per il 19-23, poi Van Garderen mette a terra la palla del 20-24. Geiler e Costa annullano i primi due set ball, infine sulla conclusione di Grozdanov i calabresi commettono un’invasione a rete, ‘vista’ dal videocheck, che regala la frazione a Ravenna: 22-25.

Secondo set La Tonno Callipo scappa prima con Michalovic (4-2) poi con i muri di Barone e Coscione (11-6), con Leoni e Kaminski che entrano a posto di Spirito e Ricci. Lo statunitense si presenta con un bel primo tempo (11-7), ma Costa realizza un altro muro, quello del 13-7, e il coach Soli ferma il match. I padroni di casa premono sull’acceleratore e con un break di 6-1 si portano sul 19-8. La Bunge non ci sta e sul turno in battuta Torres si avvicina di nuovo agli avversari grazie a sette punti di fila: 19-15 ma il vantaggio accumulato da Vibo è però troppo ampio da colmare e i giallorossi chiudono 25-19.

Terzo set Cambia la musica nella frazione successiva, dove Van Garderen (2-4) e Bossi (3-6) scavano un primo solco, che cresce grazie a un muro di Torres: 4-8 e time out Kantor. Un errore di Van Garderen dimezza il vantaggio (7-9) e si prosegue di pari passo fino a quando un muro dell’olandese non blocca la schiacciata di Thiago Alves: 12-16. L’attacco out di Torres causa il 17-20 della Tonno Callipo, coach Soli chiama time out, ma la Bunge viene bloccata di nuovo da Costa: 19-21 e il tecnico ferma il match.  Lyneel dà la carica ai suoi (19-22). Michalovic sbaglia la battuta (22-24) e sul primo set point è l’attacco out di Thiago Alves a riportare avanti la Bunge: 22-25.

Quarto set L’ace fortunoso di Costa vale il 7-4 di Vibo Valentia, acciuffato subito a causa degli errori di Michalovic e Thiago Alves e dal break di Torres: 7-7. L’opposto slovacco realizza il 13-10 a muro su Van Garderen, ma Lyneel e una schiacciata sballata di Costa riporta la Bunge alla pari: 13-13 e time out di Kantor. Si procede a braccetto sino al 18-18. Le due squadre viaggiano a stretto contatto fino al break di Costa a muro: 23-22 e time out Ravenna. Geiler trova l’ace, regalando ai suoi la possibilità per pareggiare il conto. La prima viene annullata da Van Garderen, la seconda da Lyneel: 24-24. L’attacco lungo di Geiler cambia l’inerzia del match, con Bossi che stampa il muro vincente fermando Michalovic: 24-26 e vittoria della Bunge, che si qualifica nella Final Four, dove in semifinale affronterà Verona.

Vibo Valentia-Ravenna 1-3
(22-25, 25-19, 22-25, 24-26)
TONNO CALLIPO CALABRIA VIBO VALENTIA: Thiago Alves 5, Barone 10, Coscione 6, Geiler 14, Deivid Costa 17, Michalovic 18, Marra (L); Izzo, Corrado 1, Diamantini. Ne: Torchia, Rejlek. All.: Kantor.
BUNGE RAVENNA: Van Garderen 14, Bossi 8, Spirito, Lyneel 14, Ricci 2, Torres 21, Goi (L); Kaminski 4, Leoni, Raffaelli 2, Grozdanov 3. Ne: Marchini. All.: Soli.
ARBITRI: Tanasi di Siracusa e Cipolla di Palermo.
NOTE – Vibo Valentia: bs 15, bv 4, errori 12, muri 19; Ravenna: bs 15, bv 4, errori 9, muri 10. Spettatori: 1600 (incasso 2200 euro). Durata set: 27’, 25’, 26’, 30’ (tot. 108’). Mvp: Torres.

LEADERBOARD_GPCAR_GENERIC