Il Trofeo Duemme rimane a chilometro zero: festeggia Offanengo

Di Redazione

Per la prima volta, il Trofeo Duemme resta a chilometro zero. La terza edizione del torneo di pallavolo femminile di serie B organizzato dal Volley Offanengo 2011 finisce nella bacheca della società di casa, con il successo della Chromavis Abo, capace di essere profeta in patria nella tradizionale manifestazione pre-campionato. L’urrah è arrivato nella combattutissima finale contro la Vivigas Arena, altra formazione di B1 e vincitrice due anni fa; un tie break mozzafiato ha deciso il braccio di ferro, mentre nella finalina l’Esperia Cremona ha piegato l’Orotig Peschiera.

Al termine dell’intensa giornata pallavolistica, spazio alle premiazioni delle quattro squadre partecipanti e alle giocatrici vincitrici dei premi individuali. Per la Chromavis Abo, la ciliegina sulla torta con un tris di riconoscimenti: la centrale Lisa Cheli miglior giocatrice, Cecilia Nicolini miglior palleggiatrice e Alice Giampietri miglior libero, mentre Debora Lucchetti (Vivigas Arena) è stata premiata come miglior attaccante. A premiare le quattro formazioni, i dirigenti del Volley Offanengo Cristian Bressan, Dario Carioni, il vicepresidente Roberto Carioni e Roberto Magarini, in rappresentanza dell’azienda Duemme, sponsor del Volley Offanengo. Le giocatrici, invece, sono state premiate da Arrigo Rizzetti (Comitato Settembre Offanenghese), Walter Raimondi (consigliere Fipav Cremona-Lodi), Pierangelo Forner (medico sociale Chromavis Abo) e dal sindaco di Offanengo Gianni Rossoni.

IL TORNEO IN PILLOLE – Nelle semifinali della mattinata, ospitate dal PalaCoim e dalla palestra di via Monteverdi, i pronostici sono stati rispettati, con le due formazioni di B1 che hanno prevalso in due set sulle avversarie di B2. Per la Chromavis Abo, rimonta nel primo parziale contro l’Orotig Peschiera (da 15-19 a 25-23), salvo poi avere vita più facile, come dimostra il 25-14. Gap pressoché identico, invece, tra la Vivigas Arena e l’Esperia Cremona (25-21, 25-22).

Nel pomeriggio, spazio alle finali, con il programma aperto dalla sfida per il terzo-quarto posto ricca di emozioni. L’Esperia vince agevolmente il primo set (25-18) contro Peschiera, si porta sul 24-22 nel secondo e ha diverse palle match. Le veronesi, però, non mollano e ribaltano la situazione (27-29), salvo poi cedere 15-12 nel tie break.

L’epilogo metteva di fronte le padrone di casa e la Vivigas Arena con la formula tre su cinque che decretava la “regina”. Tanto spettacolo e tanto equilibrio: primo set in cascina veneta grazie a due ace di Faettini a decidere il 23-25. Nel secondo parziale, riscatto offanenghese con gli interessi (25-16) dopo un’accelerazione a metà set. Tanta battaglia nel terzo set, dove la Chromavis Abo resiste ai continui tentativi di rimonta avversari spuntandola 25-21. La Vivigas Arena, però, non si arrende e vuole il tie break, come testimonia la partenza-sprint del quarto set (4-10). Offanengo ci prova a più riprese, ma viene trascinata al set corto (18-25). Grande spettacolo anche nel finale: Vivigas cambia campo sul +2 (6-8), la Chromavis Abo pareggia i conti, poi tiramolla (8-11 e e 12-12 con due ace di Nicolini). Volata da sprinter, con attacco di Minati e muro di Gentili (14-12, time out ospite), poi altro ace di Nicolini per la festa offanenghese.

(Fonte: comunicato stampa