Civitanova è pronta alla torcida, quanti campioni alla corte di Medei!

Ufficio Stampa Lube

Di Redazione

La società della presidente Simona Sileoni si presenterà al via nella stagione 2018/19 con una squadra stellare e ben assortita in ogni reparto, sia che arrivi anche Simon o no.

Bruninho è un giocatore fuori dal comune: ha vinto tutto, sia a livello di club che di Nazionale maggiore, tranne la Champions. Leal vince ininterrottamente un trofeo dal 2013, è un giocatore abituato a certi palcoscenici, sarà interessante vedere come il suo talento si adatterà alla SuperLega. Indossando la maglia del Sada Cruzeiro, in cinque anni Leal ha vinto cinque campionati brasiliani, tre coppe nazionali del Brasile, due Supercoppe brasiliane, quattro campionati sudamericani e tre Mondiali per club. Lo stesso Cruzeiro detiene, per ora, i diritti anche di Simon, il cubano è però molto vicino alla Lube.

I tifosi di Civitanova sono quindi pronti alla torcida per accogliere al meglio i protagonisti caraibici della prossima stagione: Bruninho, Leal, Juantorena e quasi certamente Simon. La nuova stagione prenderà il via a Perugia il 6 e 7 ottobre con l’assegnazione del primo trofeo: la Supercoppa italiana. Lo stesso Medei non vede l’ora di iniziare: «La società ha fatto veramente il massimo per rinforzare una squadra che era già molto forte e ricca di campioni — ha detto il 45enne tecnico alla seconda stagione a Civitanovail tutto con l’obiettivo di riuscire a portare a casa quell’ultimo punto che purtroppo in quella passata ci è mancato in più di una finale. Sono arrivati giocatori di altissimo livello in tutti i reparti».

L’allenatore espone poi le sue idee sui tanti campioni in squadra e sui nuovi arrivi: «Bruno rappresenta un vero e proprio monumento del nostro sport, trattandosi del palleggiatore della nazionale brasiliana campione olimpica in carica. E’ uno dei giocatori più titolati al mondo e con noi cercherà di portare nella sua ricchissima bacheca personale, tra l’altro, anche l’unico trofeo che ancora gli manca, la Champions League. Poi c’è Leal, probabilmente meno noto al grande pubblico perché fino ad ora ha sempre giocato nei campionati sudamericani. Parliamo indubbiamente di uno degli schiacciatori più forti al mondo. Insieme a queste due stelle, di fondamentale importanza sono anche gli arrivi del libero Balaso, che a dispetto della giovane età vanta già una importante esperienza pluriennale in SuperLega, ed a mio giudizio possiede tutte le prerogative necessarie per diventare a breve tra i più forti nel suo ruolo. Il martello canadese Barnes, atleta che io personalmente conosco molto bene per averlo allenato in Francia, vi assicuro saprà dare un contributo molto concreto alla causa. Quindi Massari, giocatore d’esperienza con ottime qualità in seconda linea, utile sicuramente per dare un po’ di respiro a Juantorena quando ce ne sarà bisogno. Diamantini, Partenio e Cantagalli saranno certamente motivatissimi nel voler dimostrare il proprio valore, e avranno l’opportunità per farlo, in allenamento come in partita, visti i tanti impegni che dovremo affrontare».

(Fonte: Corriere Adriatico – Il Resto del Carlino Macerata)